Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/11/2018 alle ore 20:37

Attualità e Politica

23/07/2018 | 11:34

Decreto Dignità, avvisi per i minori e maggiori poteri agli enti locali: gli emendamenti sui giochi della maggioranza in Commissione

facebook twitter google pinterest
Decreto Dignità pubblicità emendamenti giochi Commissioni Finanze Lavoro

ROMA - Sono oltre 150 gli emendamenti presentati dai deputati al decreto Dignità, in discussione nelle Commissioni Finanze e Lavoro della Camera. Il testo prevede il divieto totale di pubblicità dei giochi e l'aumento del prelievo sugli apparecchi. Sono poche le proposte di modifica provenienti dalla maggioranza di Governo: Massimo Enrico Baroni (M5S) chiede che i programmi radio- televisivi che ospitano messaggi pubblicitari relativi al gioco, «nella mezz'ora antecedente o successiva, devono essere preceduti dall'avvertenza che il programma non è adatto ai minori». La proposta di modifica prevede anche che gli enti locali possano richiedere a Sogei «i dati inerenti l'ubicazione e gli orari di funzionamento effettivo degli apparecchi» da gioco, «al fine di valutare l'adozione di regolamenti comunali per disciplinare l'orario di funzionamento degli apparecchi». Un emendamento dei relatori Giulio Centemero (Lega) e Davide Tripiedi (M5S) recepisce le osservazioni arrivate la scorsa settimana dalle Commissioni chiamate a dare il proprio parere al decreto Dignità, in merito all'armonizzazione delle norme in esso contenute con la legge di bilancio e con il decreto Balduzzi, sul divieto di pubblicità dei giochi.  

MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password