Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/12/2019 alle ore 21:34

Attualità e Politica

14/11/2019 | 09:20

Decreto fiscale, Buompane (M5S): "Blocco pagamenti operatori, verificare maggiori entrate ipotizzate"

facebook twitter google pinterest
Decreto fiscale Buompane M5S

ROMA - Il Decreto Fiscale «interviene sui trasferimenti di denaro in favore di soggetti che operano abusivamente nel settore dei giochi on line, sostituendo, in capo agli operatori dei sistemi di pagamento, il previgente obbligo di segnalazione dell'operazione con un vero e proprio divieto di darvi corso» ma, mentre ai precedenti obblighi di segnalazione non erano stati ascritti effetti di gettito, «ai presenti divieti sono ascritti effetti nella misura di dieci milioni annui di maggior gettito (eccetto che nel primo anno di vigenza, considerata la necessità di provvedimenti attuativi)»: a questo proposito, «andrebbe confermata l'effettiva prudenzialità dell'iscrizione di maggiori entrate in relazione al divieto di operazioni svolte in evasione di imposta». Lo ha segnalato Giuseppe Buompane (M5S), relatore del Decreto Fiscale in Commissione Bilancio alla Camera. «Tali maggiori entrate, infatti, dipendono dall'ipotesi, esplicitata dalla relazione tecnica, che la raccolta degli operatori in evasione d'imposta venga canalizzata verso operatori legali e controllati: in particolare, sarebbe opportuno acquisire ulteriori elementi di valutazione in merito all'assunzione che tale nuovo flusso sia commisurabile (sia pure in chiave prudenziale) al 5% del flusso di gioco legale e tracciato». In tale ottica, «sarebbe utile disporre dei dati complessivi circa gli importi dei pagamenti che sono stati segnalati in adempimento della previgente normativa o almeno di dati riferiti al maggior gettito conseguito per effetto della stessa, qualora tali effetti siano estrapolabili dal complesso delle entrate del settore». Inoltre, con riferimento al gettito per il 2020 (che la relazione tecnica riduce a un quarto tenuto conto della necessità di adottare i provvedimenti attuativi), Buompane rileva che «la disposizione non fissa un termine, neppure ordinatorio, per l'adozione dei provvedimenti medesimi, ai quali è rimessa esplicitamente la fissazione della decorrenza dell'efficacia della norma»: andrebbe dunque «acquisita conferma che i provvedimenti possano essere predisposti in tempi utili per assicurare il gettito del 2020 nella misura attesa». 
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password