Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 08/03/2021 alle ore 19:05

Attualità e Politica

10/02/2021 | 17:11

Giochi, Acadi in Commissione Antimafia: "Serve riapertura delle attività, il settore è presidio di legalità. Rischiamo punto di non ritorno"

facebook twitter pinterest
Giochi Acadi Commissione Antimafia riapertura legalità

ROMA - «L’emergenza Covid ha determinato il blocco delle attività del gioco pubblico per oltre 8 mesi su 14, dall’inizio del 2020 a oggi» e «la reiterata e totale interruzione delle attività sta incrementando esponenzialmente il rischio di riduzione del perimetro di legalità, favorendo la proliferazione di attività illegali». E’ la sintesi dell’intervento del presidente di Acadi, Geronimo Cardia, in audizione dal Comitato "Prevenzione e repressione delle attività predatorie della criminalità organizzata durante l'emergenza sanitaria" della Commissione Antimafia). «Le chiusure sono andate a colpire un comparto che costituisce un autentico presidio di legalità» e «le imprese più in difficoltà potranno diventare preda di infiltrazioni criminali», ha spiegato. «Le conseguenze di tutto ciò si stanno rivelando drammatiche. L’impatto sui livelli occupazionali, in un settore che coinvolge oltre 150mila famiglie, è enorme», ha proseguito. «Gli effetti di tali dinamiche rischiano di diventare insostenibili a più livelli, considerando che il settore del gioco pubblico assicura alla casse dello Stato un gettito erariale pari a oltre 11 miliardi l’anno. Appare, quindi, sempre più urgente la riapertura delle attività, utilizzando i protocolli sanitari già disponibili, che garantiscono assoluta sicurezza ai lavoratori e agli utenti».
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password