Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/06/2019 alle ore 20:52

Attualità e Politica

12/06/2019 | 09:25

Giochi, Chvatal (CEO Sazka) a MF: "In Italia vogliamo creare un grande team"

facebook twitter google pinterest
Giochi Chvatal CEO Sazka MF

ROMA - «In Italia non abbiamo già un'organizzazione, una presenza fissa, ma vogliamo creare un grande team italiano e lavorare con management e staff italiani, perché crediamo sia importante implementare la gestione dei team locali». Lo ha detto a MF il ceo di Sazka, Robert Chvátal, a pochi giorni dall'apertura delle buste con le offerte economiche per aggiudicarsi la conscessione, per i prossimi nove anni, della gestione del Superenalotto. Tre i gruppi rimasti in gara, Sisal, Lottomatica e Italian Gaming Holding, controllato dai cechi di Sazka, il più grande gruppo di gaming in Europa con un fatturato di oltre 1,3 miliardi di euro e oltre 83 milioni di giocatori tra 6 Paesi europei. «Abbiamo lanciato la nostra offerta perché crediamo che ci sia un certo potenziale e nuove opportunità di business nel mercato italiano delle lotterie, inoltre pensiamo di poter introdurre una visione moderna del gioco e un portfolio prodotti interessante», ha spiegato Chvátal. «Se non dovessimo vincere rimarremo su Lotto Italia (tramite la partnership in essere con Lottomatica, ndr), al contrario servirà creare un nuovo e numeroso team solo per la licenza del Superenalotto e per il portafoglio prodotti», ha proseguito Chvátal. L'obiettivo principale resta la crescita organica ma l'occhio rimane molto vigile sulle varie opportunità in giro per l'Europa. Superenalotto è una di queste, «un'opportunità che non potevamo non cogliere perché ci piacciono i mercati sviluppati come l'Italia». 
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Slot orario Cuneo GDF sala bingo

Slot fuori orario a Cuneo, blitz della GDF in una sala bingo

25/06/2019 | 16:08 ROMA - Le Fiamme Gialle di Cuneo sono intervenute in una sala bingo del centro, sequestrando le slot machine che erano in funzione all'una di notte, violando l'ordinanza emanata dal Comune ad agosto 2016, secondo cui gli apparecchi...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password