Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/06/2021 alle ore 20:40

Attualità e Politica

26/04/2021 | 11:43

Giochi nel Lazio, As.tro: una delegazione di lavoratori dall'Emilia-Romagna per sostenere la manifestazione del 29 aprile

facebook twitter pinterest
Giochi Lazio As.tro Emilia Romagna manifestazione 29 aprile

ROMA - «Nel Lazio, Piemonte ed Emilia Romagna le amministrazioni regionali stanno espellendo il gioco legale e questo ha avuto, come conseguenza immediata e diretta, una recrudescenza dell’illegalità nel territorio. Il 29 aprile sarà l’occasione per difendere il lavoro e i dipendenti da approcci proibizionisti attuati nei confronti del settore legale». È quanto si legge in una nota di As.tro e dei consiglieri dell’Emilia Romagna che hanno deciso di appoggiare la manifestazione dei lavoratori del Lazio, inviando una delegazione di lavoratori (Nazionale Elettronica - Danilo Festa, Romagna Giochi - Riccardo Sozzi, Alberici – Fabrizio Alberici, Ricreativo B – Beppe Iori, B. Videogames – Davide Ricci Bitti, Modena Giochi – Roberto Giuliani, Dondolino – Maurizio Pedrazzi, Baldazzi Styl Art – Ettore Baldazzi). «L’amministrazione regionale del Lazio ha ritenuto opportuno limitare a 18 mesi, dall’entrata in vigore della legge, l’operatività delle aziende del gioco legale, che vedrà il termine ultimo in agosto». La manifestazione - in programma dalle 15 alle 19, in piazza Oderico Da Pordenone - vuole «denunciare gli effetti distorsivi della legge che, inevitabilmente, spiegherà i suoi effetti nei confronti dell’occupazione, oggi messa a dura prova anche dal protrarsi delle chiusure».

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password