Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/10/2017 alle ore 13:30

Attualità e Politica

29/06/2017 | 16:01

Giochi, Negro (Astro): "Progetti concreti per sostenere la filiera legale a Torino, Milano e Bologna"

facebook twitter google pinterest
Giochi Negro Astro

ROMA - "L’evento di Torino, quello di Milano, e, a settembre, quello di Bologna, costituiscono tappe di progetti locali studiati per riconquistare quei territori che ci conoscono poco, e soprattutto male. In queste manifestazioni si sono esposti i problemi degli operatori, la folle tassazione a cui il gioco legale viene sottoposto, ma anche le preoccupazioni degli esercenti, dei tabaccai, e di tutti coloro che vedono nelle regolamentazioni locali un fattore che può portare alla crisi della propria attività e al licenziamento di tantissimi addetti". Lo ha ricordato il presidente onorario dell'associazione dei gestori Astro, Mario Negro. Dopo l’evento di Torino del 3 aprile scorso, l’europarlamentare Alberto Cirio ha presentato una petizione presso il Consiglio dell’UE per analizzare i profili di criticità della Legge Regionale del Piemonte", mentre "il consigliere Maurizio Marrone ha presentato un disegno di legge regionale per procrastinare la data del “game over” fissata dalla legge per le AWP installate nella rete generalista". Entro settembre, Astro chiederà al presidente della Regione Piemonte un’audizione per dimostrare che "un gioco migliore, riqualificato e attento esiste, e l’industria può realizzarlo se solo le si concede l’opportunità di lavorare con regole stabili e non punitive: l’obiettivo primario è quello di ottenere, nell’immediato, una proroga della data di “game over”, e, nel medio periodo, una rivisitazione della legge regionale del Piemonte". Sulla scia di Torino, "si stanno muovendo i gestori lombardi e, dopo l’evento che si terrà a settembre a Bologna, verrà il turno dei gestori dell’Emilia Romagna", ha assicurato, soffermandosi anche sull'attuale situazione operativa delle AWP, che con la manovra hanno subito un aumento del preu senza contestuale abbassamento del pay out. "L’istanza Astro e SGI volta a chiedere – quantomeno – la misura tampone dell’abbassamento del pay out al 68% sembra che oggi incontri più adesioni che in passato, me ne compiaccio, e spero che raggiunga il suo scopo. Sarebbe imperdonabile riuscire a convincere i territori dell’esistenza di un gioco accettabile, per poi ritrovarsi già falliti per mancanza di sufficiente marginalità operativa". 
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password