Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/11/2019 alle ore 20:50

Attualità e Politica

10/10/2019 | 13:00

Giochi in Piemonte, Sambaldi (Osservatorio Eurispes): "Legge regionale da ripensare, si rischia di consegnare il territorio alla criminalità" (1)

facebook twitter google pinterest
Giochi Piemonte Eurispes

ROMA - «La tutela della salute pubblica va perseguita tenendo conto dei riflessi delle singole misure rispetto alla prevenzione della degenerazione criminale. Quelle previste dalla legge regionale del Piemonte, già attivate per la restrizione dell’offerta di gioco pubblico, meritano un ripensamento alla luce degli effetti già prodotti e dei rischi concreti in termini di consegna o riconsegna del territorio urbano all’illegalità e alla criminalità organizzata». Lo ha detto l'avvocato Chiara Sambaldi, Direttore dell'Osservatorio su Giochi, Legalità e Patologie dell'Eurispes, in audizione nelle Commissioni Salute e Commercio del Consiglio Regionale del Piemonte, dove ha illustrato gli studi effettuati dall'Eurispes sulle ricadute conseguenti l'applicazione della legge regionale. «Il Piemonte non è un’isola e le mafie operano in questo ambito in modo congiunto che potremmo definire “federato”. A fronte, quindi, di un “federalismo del gioco pubblico”, che non può essere la soluzione, è auspicabile la ripresa dello spirito dell’intesa e, quindi, l’urgenza di una cornice di regole generali e chiare che solo lo Stato centrale può disegnare, in un rinnovato clima che persegua il principio di “leale collaborazione” costituzionalmente contemplato», ha spiegato.

(segue)

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password