Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/04/2020 alle ore 19:04

Attualità e Politica

11/02/2020 | 15:55

Giochi in Piemonte, PD e LUV: "Il centrodestra vuole smantellare la legge regionale, inspiegabile passo indietro"

facebook twitter google pinterest
Giochi Piemonte PD LUv legge regionale

ROMA - «A distanza di tre anni dall’entrata in vigore abbiamo dei dati che certificano l’efficacia della legge, nonostante il Piano di Prevenzione, già approvato e finanziato, sia stato applicato solo in minima parte. Si tratta di risultati che potrebbero migliorare a fronte di un’azione di prevenzione». Lo hanno detto i consiglieri del PD, Domenico Ravetti e Domenico Rossi e Diego Sarno e il consigliere di LUV, Marco Grimaldi, nel corso di una conferenza stampa nel Consiglio regionale del Piemonte. «Il centrodestra vuole smantellare la legge riportando le lancette dell’orologio indietro di tre anni e cancellando ogni argine all’eccesso di offerta di gioco. La Lega ha presentato una proposta di legge in base alla quale decadono gli obblighi di distanza degli apparecchi dai luoghi sensibili per tutti i gestori in possesso della licenza alla data di entrata in vigore della legge del 2016. Un passo indietro inspiegabile e dannoso come evidenzia anche la Società Italiana Tossicodipendenze Sezione Piemonte e Valle d’Aosta che precisa come un ritorno alla situazione ante legem avrebbe un impatto disastroso sulla prevalenza del gioco con apparecchi e provocherebbe una nuova impennata di gioco problematico e patologico».
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password