Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/09/2019 alle ore 19:14

Attualità e Politica

29/05/2019 | 13:00

Giochi, Puglia: distanziometro farà sparire l’80% dei punti legali, senza una modifica alla legge regionale a rischio 9mila posti di lavoro

facebook twitter google pinterest
Giochi Puglia distanziometro legge regionale lavoro

ROMA - L’entrata in vigore della Legge Regionale sul gioco in Puglia brucerà 9mila posti di lavoro e porterà alla chiusura dell’80% delle rete legale: sono le stime dell'Eurispes, contenute nello studio “Gioco legale e dipendenze in Puglia” che mostra lo scenario che si andrebbe a delineare a partire dal prossimo 15 giugno, data in cui scadrà la proroga della legge. Sindacati, operatori e associazioni di settore stanno manifestando in queste ore davanti la sede del Consiglio regionale, dove oggi era in calendario la discussione della modifica della legge, rinviata a una delle prossime sedute: il timore è che si arrivi a ridosso della scadenza della proroga, senza arrivare a una soluzione. In questo caso, la legge pugliese causerà la chiusura di circa 700 punti gioco, dislocati al di sotto dei 500 metri dai punti sensibili e «la scomparsa dell'80% degli “esercizi dedicati” e di quelli “generalisti”» in cui si accetta gioco legale per conto dello Stato. Un provvedimento che si tradurrà nella perdita del lavoro per 8.911 persone (2.891 i posti di lavoro negli “esercizi dedicati” - come sale bingo, agenzie di scommessa e sale dedicate - e 5.151 lavoratori degli “esercizi generalisti” come bar e tabacchi).
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password