Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 01/10/2022 alle ore 21:03

Attualità e Politica

26/01/2022 | 16:22

Giochi, Ugenti (Ipsos): "Settore in sofferenza durante la pandemia, il 61% degli esercenti è meno soddisfatto rispetto al 2019"

facebook twitter pinterest
Giochi Ugenti Ipsos

ROMA - «Il settore giochi, di fatto, ha registrato una certa sofferenza nel periodo della pandemia: il 61% degli esercenti è molto meno soddisfatto oggi rispetto al periodo precedente la pandemia». Lo ha spiegato Ilaria Ugenti (Ipsos), durante la presentazione del rapporto sul settore del gioco, realizzato in collaborazione Luiss Business School e Ipsos nell'ambito dell'Osservatorio sui mercati regolati.
Lo studio «ci restituisce una fotografia della microimpresa del Paese: la maggior parte delle attività» prese in esame «occupano 2-3 dipendenti» - ed è facile ipotizzare che spesso «si tratti di attività a conduzione familiare». Durante e dopo la pandemia, «gli esercenti hanno cercato di mantenere invariato il numero di dipendenti, ma il 17% si è trovato costretto a ridurlo». 
L'indagine si è concentrata anche sull'immagine del gioco illegale da parte degli esercenti che, per contrastarlo, oltre all'inasprimento delle sanzioni, «auspicano un'azione congiunta tra le istituzioni e le aziende che offrono giochi» e l'avvio di «azioni continuative di divulgazione di informazioni per far comprendere i danni economici per l'industria e il territorio».
MSC/Agipro

Foto Credits MaxPixel Creative Commons Zero - CC0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password