Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/06/2021 alle ore 11:30

Attualità e Politica

19/04/2021 | 16:42

Giochi e banche, Sabatini (Abi): "Attività considerate a rischio e sottoposte a verifica rafforzata"

facebook twitter pinterest
Giochi banche Sabatini Abi Attività rischio verifica rafforzata

ROMA - Le attività di gioco sono considerate tra quelle con «fattori ad alto rischio, carattrizzate da un elevato utilizzo del contante». È «evidente che questo» aspetto «non determina né la chiusura, né l'interruzione del rapporto» con le banche, «ma richiede una verifica rafforzata» da parte degli istituti di credito «con l'acquisizione di ulteriori informazioni, oltre a quelle ordinarie». Lo ha detto il direttore generale dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi), Giovanni Sabatini, nel corso di un'audizione in Commissione d'inchiesta sul sistema bancario in merito alle criticità del rapporto fra sistema bancario e operatori del settore del gioco legale.
«All'apertura di un rapporto bancario continuativo, come il conto corrente, la banca è tenuta a identificare il cliente e monitorare constantemente il rapporto per tutta la sua durata, attaverso la verifica e l'aggiornamento dei dati e delle informazioni che deve eseguire», ha continuato Sabatini. Queste «misure di "adeguata verifica" devono essere attuate in misura proporzionale al rischio di riciclaggio»: in funzione del livello di rischio, «si identificano una serie di fattori, sia relativi ai clienti, sia ai prodotti. L'adeguata verifica viene poi "rafforzata", in situazioni in cui si ritiene che vi sia un maggior rischio», ha spiegato.
«Diverso» è il caso in cui alcuni istituti di credito «decidono di non intraprendere rapporti» con queste società per «motivi etici: tali scelte possono trovare anche esplicitazione nello statuto degli istituti di credito» e «la giurisprudenza ha ritenuto tale scelte possibili e lecite», ha sottolineato.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password