Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/04/2024 alle ore 20:32

Attualità e Politica

20/03/2024 | 10:04

Giochi e decreto Dignità, Agcom archivia procedimento contro sala scommesse: nei fogli affissi all'entrata dell'esercizio prevale la finalità informativa

facebook twitter pinterest
Giochi e decreto Dignità Agcom archivia procedimento contro sala scommesse: nei fogli affissi all'entrata dell'esercizio prevale la finalità informativa

ROMA – I cartelli posti all'entrata di un locale adibito a giochi o scommesse possono avere scopo prevalentemente informativo, e quindi non violare il divieto di pubblicità al gioco previsto dal decreto Dignità. E' il caso di una sala scommesse di Vallo della Lucania, in provincia di Salerno, contro il quale era stato avviato un procedimento sanzionatorio poi archiviato dall'Agcom. Nel corso di un controllo, la Guardia di Finanza aveva rilevato nei pressi dell'ingresso dell'esercizio due cartelloni, dalla grandezza di un foglio A4, che per i finanzieri rappresentava “una forma di pubblicità diretta in cui risultava presente un chiaro invito al gioco”. Nella contestazione fornita, il titolare del punto scommesse spiegava che egli si era “limitato ad affiggere materialmente il cartellone pubblicitario sulle pareti esterne adiacenti gli ingressi del locale” e che per l'affissione dei fogli non percepiva “alcun compenso”. L'accusa era quindi di violazione del decreto Dignità, che vieta “qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro nonché al gioco d'azzardo, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni e i canali informatici, digitali e telematici, compresi i social media”.

I MOTIVI DELLA DECISIONE – Nella delibera di Agcom si spiega che per pubblicità ai giochi si intende “ogni forma di comunicazione diffusa dietro pagamento o altro compenso”. Nel caso di pubblicità indiretta, questa si configura in “ogni forma di comunicazione diffusa dietro pagamento o altro compenso, ovvero a fini di autopromozione, allo scopo di promuovere la fornitura, dietro pagamento, di beni o di servizi, a prescindere all’esplicita induzione del destinatario ad acquistare il prodotto o servizio offerto”. Al contrario “non rientrano nell’ambito di applicazione della norma le comunicazioni di mero carattere informativo fornite dagli operatori di gioco legale. In particolare, non sono da considerarsi pubblicità le informazioni limitate alle sole caratteristiche dei vari prodotti e servizi di gioco offerto, laddove rilasciate nel contesto in cui si offre il servizio di gioco a pagamento”. In seguito a un approfondimento istruttorio, Agcom ha rilevato che “i due cartelli pubblicitari oggetto di contestazione risultano affissi sulle pareti esterne del centro scommesse ma in una posizione adiacente ai due ingressi del locale e, dunque non in area pertinenziale al locale, ma nell’immediatezza dell’entrata, e hanno dimensioni contenute e apparentemente idonee a raggiungere esclusivamente gli avventori prossimi all’ingresso del locale e, anche in ragione della collocazione dell’esercizio, come tali non immediatamente percepibili dalla strada pubblica più prossima”. Inoltre “appare prevalente la valenza informativa, trattandosi di indicazioni con riferimento alle modalità di accesso al gioco”. Per questo l'Authority non ha rilevato una fattispecie violativa, archiviando il procedimento.

GM/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password