Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/09/2021 alle ore 16:30

Attualità e Politica

01/04/2021 | 14:53

Imposta scommesse per le agenzie estere, Marrone (Avv. dello Stato): “Per la Cassazione impianto normativo coerente, legittima l’azione dell’Agenzia delle Dogane"

facebook twitter pinterest
Imposta scommesse per le agenzie estere Marrone (Avv. Dello Stato): “Per la Cassazione impianto normativo coerente legittima l’azione dell’Agenzia delle Dogane

ROMA - “La Corte di Cassazione ha giudicato coerente l’impianto normativo che disciplina l’imposta e ha precisato che il tributo colpisce non la singola giocata ma il servizio fornito al consumatore sia dal bookmaker privo di concessione che dai ricevitori affiliati alla sua rete, confermando così la legittimità dell’azione dell’Agenzia delle Dogane”.  E' il commento rilasciato ad Agipronews dall’avvocato dello Stato Pio Marrone, che ha seguito accanto all'amministrazione fiscale il lungo contenzioso sull’imposta unica scommesse a carico dei bookmaker e delle agenzie senza concessione statale. In diverse ordinanze pubblicate tra ieri e oggi, la Corte di Cassazione aveva stabilito la legittimità della richiesta di versamento da parte dell’Agenzia delle Dogane: dal 2011 al 2015 per bookmaker e gestori, prima del 2010 per i soli bookmaker. “L’ordinanza della Corte del 30 marzo rappresenta un chiaro punto di riferimento nel vasto e articolato contenzioso che vede impegnata l’Avvocatura dello Stato davanti ai giudici nazionali e sovranazionali”, ha aggiunto Marrone. Secondo l’avvocato, la pronuncia “si inserisce nel solco tracciato dalle sentenze della Corte Costituzionale – che ha dichiarato legittime le norme che prevedono il pagamento dell’imposta unica sulle scommesse, ad eccezione delle annualità dovute dai ricevitori fino al 2010 - e della Corte di Giustizia Europea che ha escluso qualsiasi discriminazione tra bookmaker nazionali ed esteri”. Si tratta quindi di una decisione “di particolare rilievo anche per i riflessi sui numerosi giudizi pendenti dinanzi alle Commissioni tributarie su tutto il territorio nazionale”, ha concluso l’avvocato dello Stato. Nelle prossime settimane, la Cassazione dovrà decidere su un centinaio di ulteriori ricorsi di gestori. Le cause aperte sull’imposta unica nelle Commissioni tributarie in tutta Italia, secondo diverse fonti, superano il migliaio di unità.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password