Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/11/2019 alle ore 20:43

Attualità e Politica

30/10/2019 | 07:55

Legge di bilancio 2020, sul tavolo del Governo maxi gara da 1,8 miliardi per 250mila slot e 58mila VLT

facebook twitter google pinterest
Legge bilancio 2020 Governo slot VLT

ROMA - Il ministero dell’Economia prepara una super gara per slot machine e Videolotteries, da indire entro la fine del prossimo anno e che garantirebbe all’Erario - se tutti i lotti fossero assegnati al prezzo della base d’asta - un introito complessivo straordinario di almeno 1,8 miliardi di euro: 350 milioni dalle slot, 900 dalle Vlt, 385 dai diritti per bar e tabacchi, 84 dalle concessioni per le sale dedicate e 100 dal gioco a distanza. Secondo quanto appreso da fonti istituzionali, sul tavolo del Governo vi sarebbe l’assegnazione da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di concessioni di nove anni non rinnovabili. In palio 250mila diritti per le slot machine (le macchine sono ora 265mila), 58 mila diritti per Videolotteries (da installare esclusivamente in sale dedicate, bingo e agenzie di scommesse), 35mila diritti per l’esercizio di punti vendita in bar e tabacchi in cui installare le slot machine, 2800 diritti per le sale giochi dedicate. La rete di raccolta del gioco si attesterebbe così a 37.800 punti, cui andranno aggiunte le sale e i corner scommesse - il cui numero è ancora da definire - che saranno aggiudicate attraverso un’altra procedura. Il mercato degli apparecchi da intrattenimento è il più ricco del settore giochi, con un turnover superiore ai 48 miliardi di euro, una spesa reale dei giocatori di 10,1 miliardi e introiti erariali superiori ai 6 miliardi nel 2018. Dove mettere apparecchi e punti vendita, però, visto il caos sul territorio causato da leggi e regolamenti locali? Ci penserà un decreto del ministro dell’economia, sentito il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro degli Interni, che fisserà regole uniformi per tutto il territorio nazionale per la distribuzione dei punti gioco. Ciascun diritto per le 250mila slot machine a gara - esclusivamente di nuova generazione, quindi con controllo da remoto - costera’ 1400 euro, con un minimo di 10mila diritti. Il minimo investimento per ciascun operatore sara’ pari quindi a 14 milioni di euro. Ciascun diritto VLT costerà invece 15.500 euro, con un minimo di 2500 diritti: un “pacchetto” di videolotteries costerà quindi almeno 38,7 milioni di euro.  Ognuno dei punti - bar e tabacchi - in grado di ospitare le slot avrà una base d’asta di 11mila euro, con offerte minime a partire da 100 diritti (1,1 milioni di euro). 2800 saranno le sale dedicate in palio, essenziali per poter ospitare le Videolotteries: 30mila euro di base d’asta, per almeno 100 diritti con un esborso minimo di 3 milioni di euro. Infine, previsti 50 diritti per il gioco a distanza con una base di due milioni di euro. Gli operatori dovranno effettuare il versamento in due tranche, la prima - pari al cinquanta per cento della base d’asta - entro trenta giorni dall’aggiudicazione della concessione e la seconda (a saldo completo della somma dovuta) entro trenta giorni dalla firma della concessione. 
NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Napoli operazione Alto Impatto: controlli in sale scommesse

Napoli, operazione "Alto Impatto": controlli in sale scommesse

16/11/2019 | 16:25 ROMA - Controlli al tappeto su tutto il territorio, che hanno incluso anche due verfiche amministrative in agenzie di scommesse.  E' il risultato dell'operazione "Alto Impatto", che ha coinvolto gli agenti del Commissariato...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password