Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/11/2019 alle ore 09:20

Attualità e Politica

07/11/2019 | 09:40

Manovra, Servizio Studi: nel testo la gara per le concessioni di slot e VLT

facebook twitter google pinterest
Manovra Servizio Studi slot VLT

ROMA - La legge di bilancio 2020 «dispone l'indizione di una gara per l'affidamento da parte dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli di una serie di concessioni in scadenza per la gestione di apparecchi da gioco con vincita in denaro». E' quanto si legge nel dossier del Servizio Studi del Senato.
«Il comma 1 attribuisce all'Agenzia delle dogane e dei monopoli il compito di indire, nel rispetto dei princìpi e delle regole europee e nazionali, una gara entro il 31 dicembre 2020, mediante procedura aperta, competitiva e non discriminatoria, di una serie di concessioni in materia di apparecchi da divertimento e intrattenimento e gioco a distanza».
La gara riguarda in particolare 250.000 diritti per le slot che consentono il gioco solo da ambiente remoto (base d'asta non inferiore ad euro 1.400 per ogni diritto, con un'offerta minima di 10.000 diritti) e 58.000 diritti per le VLT (base d'asta non inferiore ad euro 15.500 per ogni diritto, con un offerta minima di 2.500 diritti). Inoltre saranno messi a gara 35.000 diritti per l'esercizio di punti vendita presso bar e tabacchi, in cui poter collocare le slot (base d'asta non inferiore a 11.000 euro per ogni punto di vendita, con un'offerta minima di 100 diritti), 2.800 diritti per l'esercizio di sale in cui è possibile collocare gli apparecchi che consentono il gioco solo da ambiente remoto (base d'asta non inferiore ad euro 30.000 per ogni punto di vendita, con un'offerta minima di 100 diritti) e 50 diritti per poter offrire gioco a distanza (base d'asta non inferiore ad euro 2.000.000 per ogni diritto).
La durata delle concessioni è fissata in nove anni, non rinnovabile. In caso di aggiudicazione, le somme dovute devono essere versate in due rate: la prima, pari al cinquanta per cento della base d'asta, entro 30 giorni dalla comunicazione dell'aggiudicazione della concessione e la differenza tra l'offerta presentata ed il versamento effettuato entro 30 giorni dalla sottoscrizione della convenzione di concessione.
Il nuovo modello concessorio avrebbe il pregio di «ridefinire la rete distributiva dell’offerta di questa tipologia di gioco, prevedendo un numero massimo di punti di raccolta del gioco mediante apparecchi, oltre al numero massimo di macchine» e «razionalizzare il mercato nel suo complesso, diminuendo il numero complessivo degli operatori (che diventano, peraltro, tutti “concessionari”), che assumerebbero dimensioni medio/grandi, con semplificazione e maggiori efficacia dei controlli e una migliore compliance».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password