Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 05/12/2019 alle ore 21:06

Attualità e Politica

08/10/2019 | 12:47

Anti Match-Fixing Top Training, Ribaudo (Interpol): "Convenzione UE servirà a migliorare lo scambio di informazioni con gli altri Stati"

facebook twitter google pinterest
Match Fixing Ribaudo Interpol

ROMA - L'entrata in vigore della Convenzione sulla manipolazione delle competizioni sportive, nota anche come "Convenzione di Magglingen", porterà «un'intensificazione dello scambio di informazioni con gli altri Paesi, e ci saranno possibilità di finanziamento per esportare il modello Italia - ha spiegato ancora Roberto Ribaudo, direttore della terza Divisione Interpol, a margine dell'International Conference del progetto AMATT, Anti Match-Fixing Top Training, in corso a Roma - La convenzione prevede che le nazioni aderenti (attalmente sono sei ndr)  debbano dotarsi di un sistema penale adeguato per fronteggiare il fenomeno del 'calcioscommesse' ma anche dei pericoli che gravitano attorno alle scommesse sportive in generale. L'Italia questo sistema penale ce l'ha ed è stato potenziato dal punto di vista della conseguenze per chi commette reato. Adesso abbiamo la possibilità di fare intercettazioni telefoniche, ambientali, accelerando sull'aspetto repressivo e investigativo del match fixing. Per l'Italia, questa Convenzione è un'opportunità di veicolazione del nostro sistema all'estero, in modo che gli altri Paesi possano prenderne esempio e adeguarlo alle loro esigenze, ai loro ordinamenti e al loro modo di affrontare il problema nell'ambito delle scommesse sportive».
L'Italia in ogni caso resta un "modello" da seguire, ha concluso Ribaudo. «Siamo primi nel mondo nell'attività di analisi sul settore. E' chiaro come i Paesi che ne hanno bisogno,  possano chiederci  informazioni. Ma in un contesto più ampio anche noi possiamo ottenere ulteriori dati in maniera più rapida non solo nell'ambito delle scommesse sportive sul calcio, ma anche su altri sport, come il tennis, il basket, la pallavolo. Il nostro interesse, dunque, è quello di ampliare i dati e lo scambio di informazioni attraverso la Convenzione».
NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password