Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/11/2018 alle ore 20:03

Attualità e Politica

31/01/2018 | 10:16

Maxi multe slot, Corte dei Conti: rinviato all'11 aprile il processo di revocazione di Global Starnet e Hbg

facebook twitter google pinterest
Maxi multe slot CORTE CONTI

ROMA - È stato rinviato all'11 aprile il processo di revocazione in Corte dei Conti chiesto da Global Starnet (ex BPlus) e Hbg contro la sentenza di secondo grado emessa sulla vicenda delle maxi multe slot, relativa al mancato collegamento alla rete dello Stato degli apparecchi tra il 2004 e il 2007. È quanto ha stabilito poco fa il collegio della Terza sezione d'appello su richiesta delle società, che sono ancora in attesa della sentenza della Corte di Cassazione sul caso. "Gli effetti della sospensione non pregiudicano le esigenze dell'erario", hanno sostenuto i legali di Global Starnet. 

Nel verdetto della Corte giunto a febbraio 2015 - e di cui è stato chiesto “l’integrale annullamento” - Bplus e Hbg erano state sanzionate dalla Terza Sezione d’Appello per una cifra pari a 335 milioni e 72 milioni di euro (somme ridotte rispetto agli 845 milioni e ai 224 milioni inflitti in primo grado). L’esecutività della sentenza è stata poi sospesa a giugno 2015, fino al termine del nuovo processo in Corte dei Conti e del ricorso in Cassazione, la cui udienza si è svolta il 21 novembre e di cui si attende ancora la sentenza. Davanti ai giudici supremi le società hanno insistito sul carattere amministrativo della questione e dunque sullo sconfinamento dei giudici contabili in una vicenda che non era di loro competenza: il caso del mancato collegamento alla rete Sogei sarebbe di natura prettamente amministrativa poiché riguarda inadempienze su obblighi della convenzione stipulata tra i Monopoli e i concessionari.

LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

scommesse illegali parisi bari

Scommesse illegali, Operazione DNA: arrestato Tommaso Parisi

16/11/2018 | 19:00 ROMA - È stato catturato questo pomeriggio verso le 16 da militari del Gico e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bari, nel feudo di suo padre Savinuccio, al quartiere Japigia del capoluogo pugliese, Tommaso...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password