Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/10/2018 alle ore 22:15

Attualità e Politica

01/02/2018 | 14:00

Operazione "Game Over", scoperta colossale elusione fiscale: Bacchi dichiarava 150mila euro all'anno, ma incassava un milione al mese

facebook twitter google pinterest
Operazione Game Over elusione fiscale Bacchi

ROMA - Benedetto Bacchi, arrestato oggi per concorso in associazione mafiosa e riciclaggio, secondo gli inquirenti, operava senza concessioni violando la normativa europea ed italiana sui giochi e le scommesse. Scoperta anche una colossale elusione fiscale: Bacchi dichiarava redditi risibili. Nel 2015 ha sostenuto di aver guadagnato 150mila euro lordi, secondo gli inquirenti ne ricavava almeno un milione al mese. Una copia dell'ordinanza di custodia cautelare a carico di Bacchi sarà trasmessa all'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e all'Agenzia delle Entrate.
L'imprenditore aveva stretto un accordo con le famiglie mafiose palermitane che gli avevano fatto acquisire una posizione di monopolio nel settore dei giochi e delle scommesse in cambio di diverse centinaia di migliaia di euro. «Per questo nell'indagine contestiamo il reato di concorrenza sleale mediante minaccia», ha spiegato il procuratore aggiunto Salvatore De Luca, che ha coordinato l'inchiesta. «La mafia non si è fatta imprenditrice, si è limitata a mettere il brand. Bacchi poteva dire di avere Cosa Nostra dietro. In realtà solo in un caso si è fatta chiudere una agenzia intestata a due fratelli, negli altri casi non c'era neppure bisogno delle pressioni mafiose. Si sapeva che il settore era di Bacchi». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password