Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/07/2024 alle ore 20:31

Attualità e Politica

10/07/2024 | 20:06

Rapporto SWG-IGT: pratiche stabili, aumenta tendenza al gioco misto fisico-digitale

facebook twitter pinterest
Rapporto SWG IGT: pratiche stabili aumenta tendenza al gioco misto fisico digitale

ROMA - Le pratiche di utilizzo delle diverse tipologie di gioco appaiono stabili rispetto alle precedenti rilevazioni, per quanto continui ad aumentare, soprattutto all’interno di specifiche fattispecie, la tendenza ad un gioco misto fisico e digitale. E’ quanto emerge dal report della ricerca “Giocare da grandi”, realizzato da Formiche in collaborazione con SWG e IGT e presentato dal Direttore di ricerca di SWG Riccardo Grassi durante un evento a Roma. Metà della popolazione adulta - si evince dalla ricerca - gioca almeno occasionalmente a giochi con vincita in denaro. Tra i giocatori il 60% gioca a più giochi diversi, un terzo gioca solo a Gratta e Vinci e/o Superenalotto e il 6% si dedica unicamente alle scommesse. Allo stesso tempo oltre 1 italiano su 10 indica i giochi con vincita in denaro tra le attività più divertenti del tempo libero e quasi la metà la indica tra le sue tre attività preferite. L’indagine, basata su un campione rappresentativo di 3000 italiani, mostra come i giocatori siano più presenti tra gli over35 che tra i giovani, che però praticano leggermente più spesso le scommesse. La passione per i giochi, invece, non ha età e si distribuisce in maniera uniforme tra le diverse coorti prese in considerazione. La pratica del gioco è decisamente più diffusa nel centro-sud rispetto al nord; allo stesso modo giocano più i maschi delle femmine.
 
La ricerca ha poi approfondito un dato: il 12% degli italiani, 5 milioni di persone, sostiene che i giochi con vincita in denaro siano una delle dieci attività più divertenti di quelle praticate. Gli appassionati - spiega Riccardo Grassi - sono il segmento più distintivo in questo senso: vivono il divertimento in primo luogo come soddisfazione per la vittoria (39% contro il 4% dei non giocatori), ma anche come occasione per fare esperienze che trasmettano emozioni forti o per mettersi al confronto con gli altri; ritiene inoltre difficile divertirsi senza spendere denaro e si diverte più spesso a fare «cose fuori di testa». Chi gioca a più giochi con vincita in denaro trova difficile potersi divertire veramente senza spendere. Alla domanda “quanto vale un’ora di sano divertimento?” la media delle risposte è “61 euro”, ma per gli appassionati di giochi con vincita in denaro il dato arriva a 77,5 euro. Chi gioca solo a Gratta e Vinci e Superenalotto è, invece, il segmento più simile a quello dei non giocatori e quello che più spesso vede i giochi con vincita in denaro come una occasione per sistemarsi economicamente con una grossa vincita. Chi pratica solo scommesse si caratterizza, invece, per vivere il divertimento più spesso come ricerca di novità e stimoli e per dare un particolare valore allo sport sia a livello di pratica che come spettatori; questo indica come lo scommettere sia diventato parte integrante di come vivere lo sport.

GL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password