Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 11/07/2020 alle ore 20:57

Attualità e Politica

10/06/2020 | 10:50

Riaperture, Ughi (Obiettivo 2016): "Ricavi azzerati col lockdown, lavoratori del settore giochi discriminati dal Governo"

facebook twitter google pinterest
Riaperture Ughi Obiettivo 2016 lockdown settore giochi Governo

ROMA - In questo periodo di lockdown a causa della pandemia di coronavirus, «abbiamo azzerato completamente i ricavi. Dall'8 marzo siamo stati obbligati a stare chiusi e, per ora, non è definita la data della riapertura, anche se la prossima settimana ripartiranno diverse competizioni sportive. Finché non viene fatto un Dpcm con le relative linee guida e i protocolli, non possiamo riaprire: tra sale scommesse, sale bingo e sale slot ci sono circa 80.000 persone che non lavorano più. Si tratta di cittadini, padri e madri di famiglia come tutti gli altri, e sarebbe ingiusto continuare a discriminarli». E' la denuncia di Maurizio Ughi, presidente di Obiettivo 2016, in un'intervista al Riformista. «Senza un intervento del Governo e dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, non siamo in grado di accettare scommesse. Abbiamo mandato tutte le nostre considerazioni al Comitato tecnico-scientifico e al Governo ma, per ora, non abbiamo ricevuto risposte. Questa assenza rischia di favorire chi agisce nell'illegalità», conclude.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

giochi agipronews notizie settimana scommesse

Giochi, la settimana in un clic

10/07/2020 | 17:52 LUNEDI' 6 LUGLIO Entrate tributarie, effetto Covid – Nel periodo gennaio-maggio 2020 le entrate totali relative ai giochi hanno accusato un calo del 41% rispetto all'anno scorso. È quanto emerge dal report del...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password