Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/07/2021 alle ore 19:03

Attualità e Politica

11/02/2021 | 15:41

Scommesse, la dipendente di un negozio di Cardito: "Siamo le famiglie 'invisibili', pugnalata la nostra dignità di lavoratori"

facebook twitter pinterest
Scommesse dipendente cardito famiglie dignità lavoratori

ROMA - Per lo Stato «siamo gli invisibili, i fantasmi, gli untori. Ci considerano attività "non essenziali", ma rappresentiamo un settore che dà lavoro a tantissime famiglie», allo stremo delle forze, dopo mesi senza lavoro. Una di queste famiglie è quella di Lucia, 45 anni, dal 2000 dipendente part-time di una sala scommesse di Cardito, in provincia di Napoli, e mamma di due bambini piccoli, di 8 e di 2 anni. «Siamo sopravvivendo con estrema difficoltà. Anche mio marito lavora da 15 anni in questo settore: entrambi siamo a casa dal 23 ottobre, senza considerare ovviamente il lockdown» della primavera dello scorso anno, «che ci ha coinvolto dal 9 marzo al 15 giugno». 
Prima poteva contare su due stipendi, ora la famiglia di Lucia deve sopravvivere con la cassa integrazione. «Quella del periodo ottobre-dicembre ci è arrivata a gennaio» e comunque «stiamo parlando di cifre molto esigue. Fortunatamente non abbiamo affitto o mutuo da pagare, ma ci sono comunque i costi fissi da affrontare: tasse, bollette, spese per i bambini. Sono difficoltà che possono avere tutti, ma per una famiglia con due bambini è veramente difficile andare avanti. Mi sento umiliata come lavoratrice», racconta ad Agipronews. 
Eppure, spiega Lucia, i presupposti per poter riaprire in sicurezza ci sono. «Alla riapertura, a giugno, ci avevano dato una serie di protocolli e linee guida da rispettare e noi ci eravamo adeguati», ricorda. Nella sala scommesse in cui lavora, insieme ad altri 4 collaboratori, «non c'era nessun assembramento, i clienti dovevano indossare la mascherina per entrare, c'era a disposizione il gel disinfettante e all'ingresso veniva misurata la temperatura. Avevamo spento tutti i monitor,  installato le barriere di plexiglass. Abbiamo fatto tutto quello che c'era da fare». Eppure, commenta amaramente, «si tratta di una questione politica: noi siamo gli untori. Ci sarebbero volute regole ancora più stringenti? Le avremmo rispettate». Anche se il virus non è ancora sconfitto - «stiamo parlando di una pandemia, ci sono ancora 400-500 morti al giorno e non la prendiamo alla leggera», spiega Lucia - è necessario andare avanti. «Aumentate i controlli, dateci la responsabilità di rispettare le regole, ma fateci riaprire. Senza lavoro, viene pugnalata la nostra dignità».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Giochi Snaitech Sbc Digital Italia

Giochi, Snaitech a Sbc Digital Italia

26/07/2021 | 15:45 ROMA - Si apre mercoledì 28 luglio "SBC Digital Italia", la due giorni di eventi dedicati all’industria del gaming in Italia, un paese che ospita le aziende tra le più innovative dello scenario internazionale.  Snaitech...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password