Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/07/2024 alle ore 20:38

Attualità e Politica

14/12/2023 | 17:43

Sportradar: l'Integrity Tour fa tappa a Bologna

facebook twitter pinterest
Sportradar: l'Integrity Tour fa tappa a Bologna

ROMA - L’Integrity Tour 2023, l’iniziativa, giunta alla nona edizione, promossa da Lega Serie A, Sportradar e Istituto per il Credito Sportivo volta a rafforzare la cultura della legalità nel mondo del calcio e a diffondere i veri valori dello sport, oggi ha fatto tappa a Bologna.

Questo pomeriggio, al Centro Tecnico “Niccolò Galli” di Casteldebole, si è infatti svolto l’incontro con la Prima Squadra e, a seguire, con le formazioni Primavera e Under 17 del Bologna. L’obiettivo principale di questa iniziativa, che ha coinvolto calciatori, allenatori e dirigenti del Club rossoblù, è quello di educare e formare tutti gli atleti, dai più giovani ai più esperti, sulla gravità del fenomeno del match fixing, per combattere le frodi sportive e garantire il regolare svolgimento delle competizioni.

Nel corso del workshop l’avvocato Marcello Presilla, Responsabile Integrity per l’Italia di Sportradar AG, ha spiegato ai tesserati il fenomeno del match fixing in tutte le sue forme, illustrandone i rischi e le conseguenze e delineando il profilo dei cosiddetti "fixers", criminali che cercano di coinvolgere con ogni mezzo possibile i calciatori in truffe sportive, mettendo in pericolo la loro carriera e la credibilità stessa del sistema calcio. Presilla ha poi approfondito con particolare attenzione le problematiche legate alle violazioni in materia di betting e le corrette modalità di utilizzo dei social media da parte dei calciatori.

“Il workshop organizzato da Sportradar, Lega Serie A e Istituto per il Credito Sportivo è un’iniziativa importante che si ripete anche quest’anno per sensibilizzare tutti i giocatori e i dirigenti del nostro campionato su un tema etico rilevante come quello della lotta alle frodi sportive – ha dichiarato l'Amministratore Delegato del Bologna Claudio Fenucci -. Informare i giocatori, dalla prima squadra alle giovanili, è un passo fondamentale per tutelare i valori dello sport, garantendo la regolarità delle competizioni".

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password