Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/01/2021 alle ore 19:02

Attualità e Politica

28/12/2020 | 11:29

Operazione "Gaming Machine", Cassazione conferma custodia cautelare per l'imprenditore indagato

facebook twitter google pinterest
cassazione gaming machine

ROMA - La Corte di Cassazione ha confermato la custodia cautelare in carcere per Baldassarre D'Ambrogio, l'imprenditore barese coinvolto nell'operazione "Gaming Machine" che a inizio anno aveva portato alla luce la gestione monopolistica del mercato delle videolottery sull'intero territorio della provincia di Bari. Il ricorso dell'indagato - accusato di illecita concorrenza con violenza e minaccia con l'aggravante del metodo mafioso, e di riciclaggio - è stato respinto dalla Seconda sezione penale. I giudici supremi hanno ritenuto legittima l'ordinanza del tribunale barese che «ha reiteratamente evidenziato i collegamenti del D'Ambrogio con gli ambienti della criminalità organizzata e sottolineato come le sale giochi operassero quali luoghi di investimento dei capitali illeciti così giustificando anche il riconoscimento della contestata aggravante». Fondata per i giudici anche l'accusa di riciclaggio: la gravità indiziaria è sostenuta dalle intercettazioni telefoniche effettuate dagli inquirenti, dalle quali «le dichiarazioni del D'Ambrogio circa i notevoli capitali investiti nelle sale giochi e le attività ripetute di sostituzione dei ticket vincenti dei giocatori con somme di denaro contante certamente paiono logicamente interpretate». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password