Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/11/2018 alle ore 19:40

Attualità e Politica

28/06/2018 | 13:27

Giochi, Consiglio di Stato: “Licenza di polizia non basta: obbligatorio rispettare leggi regionali”

facebook twitter google pinterest
consiglio di stato giochi azzardo giochi

ROMA - I divieti stabilito dalle norme regionali all’apertura di nuove sale da gioco devono essere rispettati anche se si è in possesso della licenza di pubblica sicurezza. Lo ha confermato il Consiglio di Stato nella sentenza che respinge il ricorso della Alma srl, a cui il Comune di Fontanelle (TV) aveva negato il permesso di apertura di una sala. Rifiuto basato sul collegato alla legge di stabilità regionale 2017, che prevede zone limitate per i nuovi esercizi con offerta di gioco. L’Alma aveva ottenuto la licenza di polizia, ma  - ricordano i giudici - «la normativa regionale si muove su un piano distinto» da quello sotto il controllo della Questura. Quest’ultima ha il compito di verificare le condizioni di sicurezza e ordine pubblico, mentre le disposizioni regionali hanno a che fare con la tutela della salute. Nel caso presente, inoltre, la licenza di polizia era arrivata dopo l’entrata in vigore della legge regionale e dunque la sala in questione doveva rispettarne le previsioni, al contrario di quanto sostenuto dalla società. Il Comune, conclude il Collegio, ha «applicato le disposizioni vigenti». Anche il Tar Veneto, lo scorso anno, aveva bocciato il ricorso della società. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password