Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/06/2020 alle ore 20:40

Attualità e Politica

20/04/2020 | 14:16

Coronavirus, Osservatorio Salute: "Stop dei contagi, in prima fila Basilicata e Umbria. Lombardia ultima a fine giugno"

facebook twitter google pinterest
coronavirus osservatorio salute zero contagi

ROMA - Basilicata e Umbria per prime, addirittura domani, ultime Lombardia e Marche, a fine giugno. Sono le date entro le quali sarà possibile attendersi zero nuovi contagi da coronavirus, secondo la mappa fornita dall'Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane, coordinato da Walter Ricciardi. Secondo le previsioni dell'Osservatorio, nella maggior parte delle regioni l'azzeramento dei contagi potrebbe avvenire già tra la terza settimana di aprile e la prima settimana di maggio, mentre in Toscana ed Emilia-Romagna la data stimata è non prima della fine di maggio.

«L’Osservatorio Nazionale ha effettuato una analisi con l’obiettivo di individuare non la data esatta, ma la data prima della quale è poco verosimile attendersi l’azzeramento dei nuovi contagi - spiega Alessandro Solipaca, Direttore Scientifico dell'Osservatorio – e si basa sui dati messi a disposizione quotidianamente dalla Protezione Civile dal 24 febbraio al 17 aprile». I modelli statistici stimati per ogni Regione, si legge in una nota dell'Osservatorio, sono di tipo regressivo (di natura non lineare) e, quindi, non sono di tipo epidemiologico, «pertanto non fondati sull’ammontare della popolazione esposta, di quella suscettibile e sul coefficiente di contagiosità R0, ma approssimano l’andamento dei nuovi casi osservati nel tempo». 

Secondo le proiezioni dell’Osservatorio a uscire per prima dal contagio da Covid-19 sarebbero la Basilicata e l’Umbria, che il 17 aprile contavano rispettivamente solo 1 e 8 nuovi casi; le ultime sarebbero le Regioni del Centro-Nord nella quali il contagio è iniziato prima. In Lombardia, in cui si è verificato il primo contagio, l’azzeramento dei nuovi casi non è atteso prima del 28 giugno, nelle Marche non prima del 27 giugno. La provincia di Bolzano dovrebbe avvicinarsi all’azzeramento dei contagi a partire dal 28 maggio, nonostante il numero di contagi osservati complessivamente è basso in valore assoluto (29 casi il 18 aprile), tuttavia il trend dei nuovi casi sta scendendo con particolare lentezza. Nella Regione Lazio sarà necessario aspettare almeno il 12 maggio, nel Sud Italia l’azzeramento dei nuovi contagi dovrebbe iniziare ad avvenire tra la fine del mese di aprile e l’inizio di maggio.

Le proiezioni effettuate evidenziano che l’epidemia si sta riducendo con estrema lentezza, pertanto questi dati suggeriscono che il passaggio alla così detta “fase 2” dovrebbe avvenire in maniera graduale e con tempi diversi da Regione a Regione. Una eccessiva anticipazione della fine del lockdown, con molta probabilità, potrebbe «riportare indietro le lancette della pandemia” e vanificare gli sforzi e i sacrifici sin ora effettuati».  RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password