Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/06/2019 alle ore 09:41

Attualità e Politica

11/06/2019 | 12:01

Il distanziometro espelle il gioco legale, studio CTB: “Il 95% del territorio di Salerno inaccessibile per gli operatori”

facebook twitter google pinterest
distaziometro studio salerno

ROMA - Il distanziometro – anche quello “light” a 150 metri dai luoghi sensibili - espelle il gioco legale dal territorio. Lo dimostra, una volta di più, lo studio realizzato nel Comune di Salerno dalla CTB, società di Micro-Marketing e Local Intelligence, e presentato nella tappa odierna dell’evento “In nome della legalità” organizzato da Codere.  L’analisi del territorio ha reso possibile localizzare le aree di possibile insediamento di sale gioco e sale scommesse, tenendo conto della distanza minima dai luoghi sensibili di 150 metri e della più restrittiva normativa che prevede 500 metri. Nel 77% dei casi – sottolinea CTB - i punti consentiti dalla normativa vigente (distanza di 150 metri) per l’insediamento di punti gioco sono in zone rurali (59%) o suburbane (18%). Uno studio qualitativo di questi punti evidenzia poi che l’insediamento è fisicamente impossibile oppure commercialmente non fattibile per diverse ragioni: mancanza di servizi primari, zone disabitate o scarsamente popolate, assenza di immobili commerciali. Complessivamente si arriverebbe a un 94,8% di casi in cui i punti gioco sarebbero di fatto non consentiti o non fattibili. Considerando invece l’innalzamento a 500 metri della distanza minima, la percentuale salirebbe a 98,8%.

Un quadro desolante, che già era emerso attraverso studi compiuti su altre aree del paese, come la provincia di Torino. «L'effetto combinato della normativa vigente e delle caratteristiche territoriali lascia pochissimo spazio di insediamento all’interno del Comune di Salerno (il 5,2% del territorio), configurando un considerevole effetto espulsivo dell'attività di gioco legale dal tessuto urbano e commerciale. In questo già difficile scenario, un ipotetico innalzamento a 500 metri della distanza minima, a Salerno avrebbe effetti devastanti per il gioco legale. La porzione di territorio praticamente fattibile per l'insediamento del gioco legale scenderebbe all'1,2% (meno di un Km quadrato) e l'espulsione diverrebbe praticamente totale», evidenzia Vincenzo Turi, Managing Partner CTB Consulting.

In Campania, secondo il Libro Blu 2017, sono attivi 7.640 esercizi con Newslot e 535 sale VLT.  L’effetto espulsivo del gioco legale dal territorio provocherebbe una diffusione del gioco illegale, sia su rete fisica sia attraverso l’utilizzo di piattaforme online non autorizzate. «Una compiuta e organica disciplina del settore del gioco legale deve andare di pari passo con un efficiente strategia di contrasto al gioco illegale - sottolinea Giovambattista Palumbo, Direttore Osservatorio sulle politiche fiscali Eurispes. -  È dunque fondamentale impedire ogni fattore di illecita concorrenza, magari anche attraverso l’attribuzione di competenze specifiche agli organi di polizia locale e l’utilizzo di indicatori di rischio. E risolvendo, una volta per tutte, il problema dei centri trasmissione dati e dell'individuazione del Paese di residenza fiscale dei bookmaker esteri». 

NT/Agipro

 

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse non autorizzate: controlli e sequestRi nel reggiano

Scommesse non autorizzate: controlli e sequestri nel reggiano

15/06/2019 | 15:10 ROMA -  Una sala scommesse, sprovvista di autorizzazioni, allestita in un locale del centro di Novellara, nel Reggiano, in cui venivano raccolte puntate sportive per conto di una società non autorizzata dai Monopoli di...

giochi notizie slot scommesse agipronews

Giochi, la settimana in un clic

14/06/2019 | 15:58 LUNEDI' 10 GIUGNO Politica e giochi – La firma del nuovo decreto sulle scommesse dal parte del ministro Tria ha scatenato la critica di Giovanni Endrizzi, senatore del Movimento Cinque Stelle, quindi teoricamente vicino...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password