Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/02/2021 alle ore 16:31

Attualità e Politica

22/02/2021 | 13:46

Giochi in lockdown, Consiglio di Stato: prevale il rischio contagio, ma necessarie valutazioni più approfondite sullo stop delle sale

facebook twitter pinterest
giochi lockdown consiglio di stato

ROMA - Il Consiglio di Stato dice no alla riapertura delle sale giochi, ma sottolinea la necessità di motivare in modo approfondito la chiusura totale di determinate attività. È quanto si legge nei dieci decreti pubblicati oggi, di identico contenuto, dal Presidente della III Sezione, Franco Frattini. Nei provvedimenti urgenti è stato affrontato il Dpcm del 14 gennaio 2021, con cui è stata sospesa fino al 5 marzo l’attività delle sale giochi, scommesse, bingo e casinò, anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente.
I decreti respingono la richiesta cautelare di sospensione del provvedimento, dando prevalenza al rischio di contagio rispetto al pur evidente danno economico degli operatori. Nei decreti viene comunque evidenziato che il Dpcm «non appare effettivamente fondato su una specifica valutazione di rischio di maggior contagio» per le attività di gioco, «ma sembra aver seguito il principio secondo cui anche di fronte a un rischio definito “potenziale” la legittima risposta proporzionale può essere il divieto totale dell’attività». Tale principio, tuttavia, «comincia ad incrinarsi», anche alla luce «della ormai lunga esperienza che le autorità scientifiche dovrebbero aver maturato nel monitoraggio e analisi dei fattori più rilevanti di contagio». Secondo la recente giurisprudenza amministrativa, le misure di precauzione «vanno adottate alla luce di una serie di valutazioni complete scientifiche del rischio sulla base di dati ostensibili e specifiche per ciascuna attività soggetta a limitazioni». Per le attività di gioco diventa quindi necessaria «una specifica analisi scientifica dei fattori di rischio» da parte del Comitato Tecnico Scientifico, «sia in vista di un non escludibile prolungamento del divieto totale oltre il 5 marzo 2021, sia ai fini del giudizio di merito», non essendo più sufficiente il semplice richiamo al principio di precauzione e al carattere “non essenziale” delle attività. Al momento, «la valutazione - pur dubbiosa e fondata su elementi potenziali e presuntivi – dell’organo scientifico non può, in questa fase, essere cancellata». La questione verrà riesaminata la prossima settimana, giovedì 4 marzo, stavolta con la discussione collegiale in camera di consiglio. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

coronavirus sardegna zona bianca sale giochi

Coronavirus: Sardegna in zona bianca, sperano le sale giochi

27/02/2021 | 16:31 ROMA - La Sardegna passa in area bianca da lunedì 1° marzo. Lo ha deciso il ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha firmato l'ordinanza sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia. Adesso il...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password