Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 28/02/2020 alle ore 19:02

Attualità e Politica

24/01/2020 | 18:01

Giochi, Tar Lazio: "No a rivalutazione della decadenza per concessionario slot"

facebook twitter google pinterest
giochi tar lazio global starnet

ROMA - La decadenza della concessione disposta dall’Agenzia Dogane e Monopoli nei confronti di Global Starnet non può essere rivalutata, ma oggi la società può provare a richiederne una nuova. Così il Tar Lazio sulla vicenda giudiziaria iniziata tre anni fa dopo il provvedimento di revoca arrivato da piazza Mastai. La sentenza pubblicata oggi respinge la richiesta di revisione della decadenza presentata dalla società dopo gli ultimi sviluppi che hanno coinvolto Francesco Corallo - socio di riferimento di Global - nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Milano su presunti finanziamenti illeciti concessi dalla Bpm.
Secondo i legali del concessionario, Corallo non ha mai assunto la qualità di imputato sul caso Bpm e ciò avrebbe fatto mancare il presupposto su cui si è basato il provvedimento di decadenza; da qui la richiesta di riesame e il ricorso contro il silenzio dei Monopoli. Per il Collegio della Seconda sezione, però, «la presentazione dell’istanza non fonda un obbligo di provvedere in capo all’amministrazione». Sulla legittimità della decadenza, «non può che farsi riferimento al quadro fattuale e normativo vigente al momento della sua adozione». Global Starnet non può dunque chiedere la revisione della revoca; tuttavia, «potrebbe semmai richiedere il rilascio di un nuovo titolo, laddove le ipotizzate sopravvenienze positive inducano a ritenere una nuova affidabilità della società». D’altra parte «la legittimità del provvedimento di decadenza è già oggetto di separato scrutinio», visto che la questione è "sub iudice" al Consiglio di Stato. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Giochi la settimana in un clic

Giochi, la settimana in un clic

28/02/2020 | 16:45 LUNEDI' 24 FEBBRAIO Gioco online, Spagna: stretta sugli operatori, stop all'80% delle pubblicità - Le misure proposte «rappresentano un primo passo» per affrontare il tema del gioco patologico. Il decreto...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password