Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/04/2019 alle ore 11:00

Attualità e Politica

03/04/2019 | 15:56

Giochi, Monopoli e Procure studiano misure anti-abusi nei punti di vendita ricariche

facebook twitter google pinterest
gioco procure monopoli

ROMA - Agenzia delle Dogane e Procure della repubblica al lavoro per limitare i possibili abusi nella raccolta di gioco online nei punti vendita ricariche (pvr), gli esercizi commerciali che consentono agli utenti di alimentare i conti gioco. Secondo quanto appreso da Agipronews, nel corso di alcuni incontri riservati - avvenuti nelle scorse settimane - magistrati antimafia e dirigenti Adm hanno condiviso la necessità di un intervento regolatorio, allo scopo di evitare gli eccessi emersi in alcune inchieste: fari puntati in particolare sull'utilizzo del "cash”, quando quest’ultimo è collegato a fenomeni di intermediazione (vietata dalla legge), e sulla gestione dei conti gioco intestati all'esercente messi a disposizione dei giocatori. Troppa, in sostanza, la "somiglianza" operativa tra l'attività di alcuni Pvr e quella delle agenzie di scommesse regolarmente autorizzate alla raccolta di gioco.

Un tema che torna periodicamente da almeno dieci anni e che - sottolineano fonti vicine al dossier - non deve far dimenticare la positiva funzione di promozione dei Pvr nel mercato online, da molti operatori considerata fondamentale. Sulle anomalie, però, Adm sta lavorando intensamente da mesi, con l'obiettivo - innanzitutto - di capire quale sia lo strumento adatto per regolare meglio l'attività dei centri ricarica. Le recenti inchieste della magistratura hanno evidenziato un uso distorto della possibilità di effettuare ricariche sui conti gioco. Magistrati e manager pubblici hanno ancora una volta condiviso la necessità di prevedere l'utilizzo di mezzi di pagamento certificati per tutte le transazioni finanziarie e magari la fissazione di un limite al prelievo di denaro dagli account, anche nell'ottica di limitare le operazioni a rischio riciclaggio.

Di questo, tra l'altro, si discute frequentemente anche nel tavolo sull'antiriciclaggio nei giochi istituito al Mef a quale partecipano anche gli operatori di gaming autorizzati. Prima di un intervento - di rango normativo o amministrativo, non è ancora stabilito - sono previsti nuovi confronti tra le parti: l'obiettivo strategico condiviso è rendere l'attività di tutti i Pvr perfettamente conforme alle norme in materia di gioco online e di prevenzione del riciclaggio. NT/Agipro
    

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Operazione Galassia latitante Antonio Ricci

Operazione "Galassia", latitante arrestato a Malta

23/04/2019 | 09:15 ROMA - Arrestato a Malta il latitante Antonio Ricci: è considerato al centro di collegamenti diretti con la criminalità organizzata calabrese nell'ambito dell'operazione "Galassia", a suo tempo eseguita dallo...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password