Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 04/12/2020 alle ore 13:07

Attualità e Politica

25/10/2020 | 15:37

Dpcm Governo, con chiusura sale giochi altri 600 milioni di euro in fumo per l’Erario: 2020 in rosso per 3 miliardi

facebook twitter google pinterest
lockdown giochi perdite erariali

ROMA - Almeno seicento milioni di euro in un mese. E’ quanto costerà allo Stato – in termini di mancate entrate fiscali - la chiusura di sale giochi, agenzie di scommesse, Bingo e casinò fino al 24 novembre, stabilita dal Dpcm firmato oggi dal premier Conte. Nell’intero 2019, il Mef aveva incassato la cifra record di 11,4 miliardi di imposte dai giochi. Il 2020, già caratterizzato da 100 giorni di chiusura delle reti specializzate del gaming (dall’8 marzo al 15 giugno), è invece in profondo rosso per i conti pubblici: secondo il Conto riassuntivo del Tesoro dei primi sei mesi 2020, proprio quelli del lockdown, gli incassi per entrate del bilancio dello Stato da lotto, lotterie ed altre attività di gioco hanno toccato i 2,2 miliardi di euro, con una perdita secca di due miliardi (-47%) rispetto ai 4,2 miliardi registrati nello stesso periodo dell’anno precedente. Con i 600 milioni di novembre, a fine anno mancheranno all’appello quasi tre miliardi di euro. Anche per la filiera, la chiusura di un mese imposta dal Governo sarà catastrofica: concessionari, gestori ed esercenti – dopo le cospicue perdite registrate tra marzo e giugno - perderanno almeno altri 600 milioni di euro di ricavi.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password