Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/11/2019 alle ore 19:02

Attualità e Politica

08/10/2019 | 11:23

Anti Match-Fixing Top Training, Martens (CIO): "Progetto fondamentale per accelerare cooperazione tra sport e forze di polizia"

facebook twitter google pinterest
martens cio match fixing

ROMA - Prevenzione e cooperazione nel contrasto alla corruzione e al match-fixing: questi gli obiettivi principali da perseguire a livello europeo e internazionale. È quanto emerso nel corso del dibattito all'International Conference dell'AMATT, l'Anti Match-Fixing Top Training, in corso al Salone D'Onore del Coni a Roma. «La prevenzione è fondamentale nel contrasto alla corruzione e alla manipolazione degli eventi sportivi. - ha detto Friedrich Martens, a capo dell’unità contro le frodi sportive del Comitato Olimpico Internazionale - La prevenzione e un'educazione di alto livello possono connettere tutte le azioni del Comitato Olimpico Internazionale, delle forze di polizia come l'Interpol e di tutto il sistema. Come Comitato Olimpico Internazionale diamo grande importanza al contrasto al match fixing e siamo consapevoli che la regolamentazione e la legislazione sono fondamentali per combattere alla base la corruzione. Questo progetto è fondamentale per dare una ulteriore accelerazione alla cooperazione». Alla base della cooperazione c'è la condivisione delle esperienze e delle informazioni, come ha evidenziato Roberto Ribaudo, direttore della terza Divisione Interpol. «In Italia svolgiamo un lavoro costante grazie alla collaborazione tra le diverse forze di polizia e i gruppi di investigazione. - ha evidenziato Ribaudo - Condividere informazioni, un'azione e un'analisi dettagliata, passo dopo passo, un monitoraggio costante dei flussi di scommesse sono gli obiettivi fondamentali che perseguiamo e che dobbiamo perseguire anche a livello internazionale». 

Informare ed educare sono le chiavi per prevenire fenomeni di match-fixing e manipolazione degli eventi sportivi. «La prevenzione a tutti i livelli è fondamentale, dai più giovani, dagli atleti ai giudici di gara. - ha evidenziato Rute Soares, Integrity officer della Federcalcio portoghese e UEFA Ethics and Disciplinary Inspector - Per farlo al meglio è necessario lavorare assieme perché la strada da percorrere è ancora molto lunga. Corruzione, match fixing, atleti che scommettono sono situazioni da combattere, e tutti dobbiamo fare qualcosa partendo dalla regolamentazione e dell'educazione: perché la prima cosa da fare è convincere i protagonisti dello sport che la loro attività ha bisogno di essere protetta». SA/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

giochi notizie slot scommesse agipronews

Giochi, la settimana in un clic

22/11/2019 | 16:55 LUNEDI' 18 NOVEMBRE MS5: meno concessioni ma più costose – Si susseguono gli emendamenti alla manovra riguardanti i giochi. Fra questi, due del M5S a firma di Endrizzi propongono di rendere meno numerose ma più...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password