Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/11/2017 alle ore 19:07

Attualità e Politica

09/06/2017 | 12:11

Match Fixing, Pecoraro (procuratore FIGC): «Dipendiamo troppo dall'attività giudiziaria, servono regole nuove»

facebook twitter google pinterest
match fixing pecoraro figc

ROMA - "I reati con cui ci confrontiamo maggiormente in Procura federale riguardano illeciti, mancanza di pagamento, fallimenti, bagarinaggio e scommesse. Le difficoltà maggiori riguardano proprio queste ultime". È quanto ha dichiarato il procuratore Figc, Giuseppe Pecoraro, durante il convegno "Le azioni di contrasto al match fixing: un impegno primario" in corso a Roma. "Non abbiamo una polizia giudiziaria, possiamo prendere iniziative "penali" soltanto se ci sono esposti. La notizia relativa alla scommessa è semplicemente un "flusso anomalo", mentre con l'esposto c'è la configurazione del reato, sappiamo cosa valutare. Con le scommesse è più difficile perché dobbiamo cercare chi ha scommesso e capire come si è scommesso. Poi dobbiamo informare l'autorità giudiziaria e aspettare i loro eventuali sviluppi. Abbiamo solo la notizia del flusso anomalo, ma non la configurazione del reato, non sappiamo nulla sull'eventuale reato né chi l'abbia commesso. Dipendiamo dunque dall'attività giudiziaria ed è difficile avere un esito chiaro. Serve nuovo sistema o convenzione, se la richiesta di notizie possiamo farla alle squadre mobili, chiediamo attenzione, un nucleo dedicato alle scommesse. Ci sarebbero professionalità specializzate e riferimenti a cui rivolgerci, sarebbero preziosi. Inoltre nell'unità Uiss non ci sono membri della procura, bisognerebbe inserirne uno". LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password