Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 14/08/2018 alle ore 20:40

Attualità e Politica

01/08/2018 | 18:13

Sale slot, Tar Lombardia: “Serve doppia autorizzazione, da Questura e Comune"

facebook twitter google pinterest
sale slot tar lombardia

ROMA - Per installare slot e Vlt in una sala giochi «sono sempre necessarie sia la licenza di polizia rilasciata dal Questore» che «l'autorizzazione del Comune dove l'attività dovrà essere svolta»: è quanto ha ribadito il Tar Lombardia che ha respinto con sentenza il ricorso presentato da una sala contro il provvedimento di chiusura disposto dal Comune di San Martino Siccomario, in provincia di Pavia. Il regolamento comunale prevede un tetto alle autorizzazioni per le sale giochi, una ogni 5mila cittadini residenti, «essendo già presente un esercizio analogo» - si legge nella sentenza - la richiesta di autorizzazione è stata respinta. Il Tar sottolinea che non basta la semplice “Segnalazione Certificata di Inizio Attività”, chiesta tra l’altro per la  somministrazione di alimenti e bevande.

Proprio l’assenza dell’autorizzazione comunale, secondo i giudici, fa sì che il ricorso sia da respingere: al di là delle questioni sulla legittimità del regolamento - che prevede un tetto alle licenze in base alla popolazione e un distanziometro di 150 metri - i giudici rilevano che comunque la società ricorrente «per oltre tre anni dall’acquisizione della sala giochi dalla precedente titolare, ha gestito la stessa in assenza della prescritta autorizzazione».

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password