Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/04/2021 alle ore 18:35

Attualità e Politica

15/12/2020 | 13:55

Tassa 500 milioni, i chiarimenti del Consiglio di Stato alla Corte Ue: "Il prelievo ha danneggiato società comunitarie"

facebook twitter pinterest
tassa 500 milioni consiglio di stato chiarimenti corte ue

ROMA - La tassa da 500 milioni per i concessionari slot e vlt ha inciso il capitale di società comunitarie, gravando sul loro bilancio e peggiorandone i risultati. Così il Consiglio di Stato nella risposta alle richieste di chiarimenti della Corte Ue riguardanti la norma introdotta con la legge di stabilità 2015. I giudici comunitari, che dovranno esprimersi sulla legittimità della norma, avevano richiesto ulteriori elementi per dimostrare che l'extra addizionale non è solo una questione meramente interna, ristretta cioè al mercato degli apparecchi in Italia, ma ha inciso sul capitale sociale degli operatori - soprattutto quelli appartenenti a gruppi multinazionali comunitari - a livello globale. Le società interessate, chiarisce il Consiglio di Stato nelle ordinanze di oggi, «sono in effetti tutte società di diritto italiano, ma in alcuni casi ciò è vero solo formalmente, in quanto si tratta di società di diritto italiano controllate per intero da una società madre di nazionalità europea». Dunque, «è evidente» che la tassa da 500 milioni «produce effetti» nei confronti delle società controllanti «perché va a peggiorarne il risultato di gestione» sia in via indiretta, «in quanto grava sul bilancio delle controllate», sia in modo diretto, nel caso di società comunitarie che operano «direttamente in Italia, senza intermediazione di controllate». La norma, inoltre, interessa «anche i gestori incaricati della raccolta del gioco, fra i quali vi è almeno una società di nazionalità austriaca». Infine, la violazione del principio di affidamento «che secondo questo Giudice del rinvio le norme denunciate commetterebbero, andrebbe a costituire una discriminazione a rovescio rispetto a tutte le altre società attive in analoghi settori del gioco lecito, quale quello delle cd slot on line». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password