Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/11/2019 alle ore 09:48

Attualità e Politica

03/10/2019 | 18:12

Tassa 500 milioni, Tar Lazio boccia altri quattro ricorsi: "Norma proporzionata, non era un nuovo tributo"

facebook twitter google pinterest
tassa 500 milioni tar lazio

ROMA - La norma relativa alla tassa da 500 milioni alla filiera slot e vlt non è in contrasto con i principi costituzionali, né con il diritto dell'Unione europea. È quanto ribadisce il Tar Lazio in quattro nuove sentenze che respingono i ricorsi di concessionari e gestori contro l'addizionale introdotta dalla legge di stabilità 2015.
Il Tar sottolinea, come già evidenziato nelle sentenze degli scorsi mesi, che con la tassa «non è stato istituito un nuovo tributo». L'intenzione del legislatore, cioè, era quella di «incidere, riducendolo, sulla misura del compenso remunerativo dei soggetti che compongono le filiere delle reti di raccolta del gioco». In altri termini, visto che il denaro che lo Stato lascia a tali filiere, «è pur sempre pubblico», è come se con la legge di stabilità lo Stato avesse ridotto da 4 miliardi di euro a 3,5 miliardi di euro «il montante delle risorse messe a disposizione delle predette filiere per la loro remunerazione». Superata, secondo i giudici, anche la questione della ripartizione dell'addizionale tra i diversi soggetti della filiera: la legge di stabilità 2016 ha chiarito che il versamento della somma spettante ai tredici concessionari «deve essere ripartita tra ciascun operatore della filiera in misura proporzionale alla sua partecipazione alla distribuzione del compenso, sulla base dei relativi accordi contrattuali». Un intervento decisivo anche per gestori ed esercenti, «inizialmente obbligati a versare l’intero ricavato delle giocate, senza possibilità di trattenere il compenso loro spettante», e successivamente «tenuti unicamente in misura proporzionale ai compensi contrattuali del 2015», senza dover rinegoziare i loro rapporti con i concessionari. Il provvedimento con cui è stata introdotta l'addizionale da 500 milioni era già stato sottoposto al Tar Lazio, che a novembre 2015 aveva rinviato la questione alla Corte Costituzionale. Lo scorso anno, poi, la Consulta ha rimandato al Tar gli atti gli atti della causa per una nuova valutazione. Il mese scorso, intanto, è partita l'azione di recupero delle somme non riscosse da parte dell'Agenzia Dogane e Monopoli. Al conteggio, a quanto risulta ad Agipronews, mancherebbero ancora 120 milioni di euro, dopo i 380 versati da concessionari, gestori ed esercenti con tempi e modalità diversi. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Napoli operazione Alto Impatto: controlli in sale scommesse

Napoli, operazione "Alto Impatto": controlli in sale scommesse

16/11/2019 | 16:25 ROMA - Controlli al tappeto su tutto il territorio, che hanno incluso anche due verfiche amministrative in agenzie di scommesse.  E' il risultato dell'operazione "Alto Impatto", che ha coinvolto gli agenti del Commissariato...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password