Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/07/2018 alle ore 14:03

Attualità e Politica

02/02/2018 | 16:38

Giochi nelle Marche, a Treia progetto rivoluzionario grazie a sinergia tra Comune e associazioni

facebook twitter google pinterest
treia marche giochi astro gioacchini azzardo

ROMA - Un progetto rivoluzionario che non prevede provvedimenti restrittivi, ma una sinergia tra Comune, associazioni ed esercenti per una serie di iniziative di sensibilizzazione sul gioco. Protagonista il Comune di Treia, in provincia di Macerata, dove si è tenuto un confronto sul contrasto al gioco patologico a cui hanno preso parte il sindaco Franco Capponi, l’assessore alle Politiche Sociali, Alessia Savi, i vigili urbani, rappresentanti del dipartimento dipendenze e Paolo Gioacchini, vicepresidente nazionale Astro con delega per le Marche, che dichiara: «L’amministrazione non vuole gravare sulle imprese con regolamenti restrittivi, piuttosto ha intenzione di collaborare a iniziative che sensibilizzino sul problema. Non contrapposizione agli operatori di gioco, insomma, ma sinergia. Una filosofia che come associazione accogliamo ovviamente con favore».

L’approccio “ragionato” sulla questione è confermato anche dall’assessore Savi, che ha spiegato come i corsi di formazione organizzati dal Comune sono uno dei passi per «proseguire le azioni di sensibilizzazione sul gioco d’azzardo patologico avviate in questi ultimi anni, con l’obiettivo di incrementare le azioni di prevenzione sulla problematica del gioco patologico». L’idea è di «implementare la rete di soggetti maggiormente sensibili, e coinvolgendo anche i gestori dei bar, in qualità di osservatori privilegiati del fenomeno, perché solo una rete più consapevole e più competente consente di intercettare tempestivamente la trasformazione del gioco d’azzardo in patologia».  L’obiettivo è «creare una sinergia, una rete con gli operatori del settore», in modo da mettere in campo azioni concrete «coinvolgendo gli stessi esercenti». L’amministrazione e l’associazione si incontreranno ancora per mettere a punto le iniziative migliori per azioni di formazione e prevenzione. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password