Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/05/2022 alle ore 20:41

Attualità e Politica

25/01/2022 | 11:25

Casinò di Campione, domani la riapertura

facebook twitter pinterest
Casinò di Campione domani la riapertura

ROMA - Dopo sei mesi di intensa attività e preparazione, secondo un piano industriale predisposto dalla società di consulenza direzionale Vitale-Zane & Co., riapre domani il Casinò di Campione. Da quando lo scorso giugno il Tribunale di Como ha dato il via libera alla riapertura dello storico Casinò di Campione, chiuso da luglio 2018, l’amministratore unico Marco Ambrosini ha costruito e condotto, giorno dopo giorno, un complesso e articolato percorso per mettere in fila tutti i tasselli necessari a raggiungere questo importante risultato.

Il nuovo contratto di lavoro riflette infatti i fondamentali elementi di flessibilità e contenimento dei costi previsti dal piano industriale approvato dal Tribunale, e necessari per garantire alla casa da gioco efficienza, funzionalità e sostenibilità. Un altro attore che ha giocato un ruolo fondamentale per la riapertura del Casinò è rappresentato da Novomatic con il quale il Casinò di Campione ha siglato un accordo per il noleggio di 400 slot machines, ad oggi già installate.

Sotto il profilo della governance a fine novembre si è tenuta la prima seduta del nuovo consiglio di amministrazione, composto da Erminia Rosa Cesari (presidente), Marco Ambrosini (amministratore delegato) e Carmine Garzia (consigliere). Nei mesi scorsi sono inoltre stati predisposti il nuovo statuto della Società ed il testo della nuova convenzione che regola i rapporti tra la proprietà, ovvero il Comune di Campione d’Italia, e la società di gestione del Casinò. Come previsto dal Piano approvato dal Tribunale, i trasferimenti dalla Casa da Gioco al Comune nel periodo 2022-2026 saranno compresi tra i 500 mila euro (2022) ed i 2,5 milioni di euro (2026). Sono quindi molto lontani i tempi in cui i trasferimenti annui superavano i 30 milioni di euro.

I prossimi passaggi previsti dalla procedura concordataria sono rappresentati dal voto dei creditori, programmato in primavera, e l’auspicata successiva omologa da parte del Tribunale.

RED/Agipro

Foto Credits AdmComSRL CC BY-SA 3.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password