Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2022 alle ore 19:00

Attualità e Politica

09/11/2022 | 19:15

Giochi, Pastorino (Pres. STS): "Separare gioco online e rete fisica"

facebook twitter pinterest
Giochi Pastorino (Pres. STS): Separare gioco online e rete fisica

ROMA - "Circa 10 anni fa le regioni si mossero andando a regolare il gioco iniziando a parlare di riordino, in particolar modo della rete terrestre. Oggi, però, non è più così: nel 2019, anno pre pandemia, il gioco fisico raccoglieva 74 miliardi di euro e l'online 36. Poi è arrivata la pandemia e nel 2021 il gioco terrestre è sceso a circa 44 miliardi con l'online che ha toccato quota 67 miliardi. Il mercato si adatta, ma il risultato è che le società di gaming hanno agevolato questa richiesta di gioco online aprendo punti vendita ricarica, ossia dei luoghi che danno possibilità di ricaricare il conto gioco. Oggi rischiamo di trovarci con una sovrapposizione tra gioco fisico e un'altra rete che dovrebbe dedicarsi all'online, ma fa anche altro. Per questo dico che il riordino deve concentrarsi su tutto il mondo del gaming". Così Giorgio Pastorino, presidente STS, durante l'evento "Giocare da grandi".

"Favorire i giocatori online? Il cambiamento va agevolato ma all'interno di regole ben chiare. Il rischio è che si aggiungano decine di migliaia di punti che prima non c'erano. Se non diamo regole precise, separando seriamente online e rete fisica, al riordino non ci arriveremo mai svuotando inoltre di significato le concessioni terrestri e il gioco fisico, che è quello che fornice la maggior parte di entrare erariali", ha proseguito Pastorino. Infine sul futuro del settore Pastorino ha sottolineato come "bisogna evitare che il settore vada avanti per conto proprio. Adesso dobbiamo fare le regole; quello che vorrei evitare di vedere è una sanatoria sui PVR. Concentriamoci su come portare la tecnologia nei punti vendita; se questa è la strada il settore ha la possibilità di arrivare a un riordino vero, se non fissiamo regole precise faremo fatica a trovare una regolamentazione omogenea", conclude.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password