Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/02/2023 alle ore 12:33

Attualità e Politica

02/12/2022 | 13:44

Scommesse, Cassazione: l'intermediazione non è un reato minore, sì alle pene detentive per chi viola la legge

facebook twitter pinterest
Scommesse Cassazione: l'intermediazione non è un reato minore sì alle pene detentive per chi viola la legge

ROMA - L'intermediazione nella raccolta delle scommesse non ha «natura contravvenzionale», ma appartiene al genere di reati di maggiore gravità, quindi delittuosi. A sottolinearlo è la Corte di Cassazione sul ricorso presentato dal gestore siciliano di un centro scommesse, che lavorava per conto di un bookmaker estero privo di concessione italiana. L'imputato era stato condannato a oltre due mesi di reclusione (con pena sospesa) dal Tribunale e dalla Corte d'Appello di Palermo, poiché privo della licenza di polizia, necessaria per l'attività ma «mai richiesta». Secondo la difesa, tale reato comporterebbe solo una contravvenzione, interpretazione che i giudici supremi hanno però bocciato, dichiarando inammissibile il ricorso. Il riferimento è alla legge 401 del 1989, intervenuta contro gioco e scommesse clandestine, e in particolare all'articolo 4. «Si tratta di una disposizione a più norme incriminatrici - spiega la Cassazione - Con essa il legislatore ha previsto una pluralità di fattispecie incriminatrici che descrivono diverse ed eterogenee condotte delle quali ciascuna integra un diverso reato». A ognuno di questi «corrisponde un diverso trattamento sanzionatorio in ragione della maggior/minor offesa del bene giuridico». Nel caso in esame, il gestore è stato ritenuto responsabile di intermediazione, poiché conduceva l'attività «attraverso cinque postazioni internet» collegate al sito del bookmaker estero. Proprio l'intermediazione rientra nella «fattispecie di delitto» nei casi in cui venga raccolto gioco senza le autorizzazioni necessarie. «Correttamente, pertanto, è stata ritenuta l'ipotesi delittuosa», conclude la Cassazione confermando la condanna.
LL/Agipro

Foto credits Sergio D’Afflitto/Wikimedia Commons/CC BY-SA 3.0 IT

 

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password