Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 04/10/2022 alle ore 16:00

Attualità e Politica

22/09/2022 | 13:48

Slot e videolottery, la Corte di Giustizia Ue boccia la tassa da 500 milioni: "Norma non giustificata dal miglioramento delle finanze pubbliche, impatto notevole sui concessionari"

facebook twitter pinterest
Slot e videolottery la Corte di Giustizia Ue boccia la tassa da 500 milioni: Norma non giustificata dal miglioramento delle finanze pubbliche impatto notevole sui concessionari

ROMA - La tassa da 500 milioni introdotta nel 2015 dal Governo Renzi per i concessionari di slot e videolottery non può essere giustificata «sulla scorta di obiettivi fondati esclusivamente su considerazioni attinenti al miglioramento delle finanze pubbliche». È quanto scrive la Corte di Giustizia Europea nella sentenza sulla causa relativa all’extra addizionale introdotta dalla legge di stabilità di sette anni fa (poi abrogata l’anno successivo), che ha dato il via a lunghissimo contenzioso giudiziario. La decisione odierna segna un colpo importante a favore delle società di gioco, anche se il capitolo finale passerà ora per il Consiglio di Stato, che nel 2020 aveva rinviato la questione ai giudici comunitari.

Secondo la Corte UE il principio della tutela del legittimo affidamento a cui le società di gioco si sono appellate contro la norma «non osta, in linea di principio, ad una normativa nazionale che riduca temporaneamente» il compenso dei concessionari pattuito nelle convenzioni, a meno che non risulti - tenuto dell'impatto sulla redditività e gli investimenti - che ai concessionari «non è stato lasciato il tempo necessario per adeguarsi a questa nuova situazione». Una situazione che in questo caso sembra essersi verificata. Il bando di gara per le concessioni degli apparecchi, scrive la Corte, «non conteneva alcuna disposizione relativa alla possibilità di imporre un prelievo per motivi esclusivamente economici e tributari». 

L'ammontare della tassa e la sua ripartizione paiono inoltre di natura tale da aver potuto incidere «in maniera notevole» sulle previsioni finanziarie dei concessionari. Gli obiettivi sostenuti dal governo italiano - ridurre la redditività per contrastare l’illegalità e proteggere le fasce più deboli della popolazione dai rischi di gioco patologico - dovranno inoltre essere esaminati dai giudici italiani, che dovranno valutare se la norma «fosse idonea a garantire la realizzazione degli obiettivi perseguiti e non andasse oltre quanto è necessario per raggiungerli».

Spetterà ora al Consiglio di Stato, che aveva rinviato il caso ai giudici comunitari, «valutare l’esatta portata dell’impatto che un siffatto prelievo temporaneo può aver avuto sulla redditività degli investimenti effettuati dai concessionari» e stabilire se, e in quale misura, i concessionari «si siano visti privati, a causa del carattere eventualmente improvviso e imprevedibile di tale prelievo, del tempo necessario per permettere loro di adeguarsi a questa nuova situazione».
LL/Agipro

Foto Credits George Hodan CC0 1.0


Tassa 500 milioni: dal Tar alla Corte di Giustizia Europea, il lungo contenzioso contro l'extra addizionale

Tasso 500 milioni, Pucci (As.tro): "Attendiamo decisione finale del Consiglio di Stato, pronti ad aprire tavolo di confronto per il recupero degli importi versati"

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password