Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/02/2024 alle ore 21:13

Ippica & equitazione

10/11/2023 | 08:30

Ippica, Stoppini (Snaitech): “Occorre lavorare sugli eventi e sulla collaborazione tra gli ippodromi”

facebook twitter pinterest
Ippica Stoppini Snaitech Occorre lavorare eventi collaborazione ippodromi

ROMA - “La nostra idea è arrivare alla fine dell’investimento avendo una struttura polifunzionale nella relazione tra atleta e cavallo – trotto, galoppo, equitazione -, ma anche per tutta un’altra serie di attività, perché siamo convinti che si debba lavorare sugli eventi”. Così Lorenzo Stoppini, direttore della business unit ippodromi di Snaitech, facendo riferimento all’investimento fatto per portare il trotto all’interno dell’ippodromo di San Siro a Milano. Intervenuto nel corso della tavola rotonda “Il ruolo degli ippodromi per il rilancio del settore ippico” che si è svolta nella 125° edizione della Fieracavalli a Verona, ha spiegato: “Stiamo cercando di pensare a 360° al pubblico che frequenta l’ippodromo. Ok fare pubblicità e portare il pubblico, ma poi la comunicazione rischia di essere sempre molto tecnica; invece, riuscire a scendere su un piano di comunicazione comprensibile è molto complicato”. Un aspetto in cui potrebbe rivelarsi decisiva è la collaborazione tra ippodromi: “Se lo facciamo tutti insieme è meglio – sottolinea Stoppini -. Se uno ha successo potrebbe condividere l’esperienza, perché penso che il successo di uno sia il successo di tutti. L’obiettivo è riportare il pubblico agli ippodromi per aumentare i ricavi, perché l’ippodromo guadagna con quasi tutte attività che riguardano il pubblico: il biglietto, le scommesse, la fornitura di servizi”. Pubblico che rappresenta anche il ricavo “figurativo” per i proprietari di cavalli, secondo Stoppini, nella soddisfazione di vincere una corsa. Quindi, “l’investimento sulla promozione per richiamare il pubblico serve a tutti”.

Infine, Stoppini ha messo l’accento sulla necessità di poter programmare le corse con un ampio anticipo, “per poter programmare anche tutte le altre attività. È normale che gestendo impianti grandi si facciano anche altre attività, e l’idea è quella di gestire queste strutture con una ragionevole programmazione che permetta di creare eventi di varia natura, principalmente ippici, ma che permettano di arrivare all’obiettivo che è il pareggio di bilancio”.

AB/Agipro

Foto credits: Dena-Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password