Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/02/2023 alle ore 20:35

Ippica & equitazione

09/01/2023 | 08:54

Ippica: all'ippodromo Snai La Maura Erik Bondo fa tripletta, ma il premio Aligero lo vince Amarcord

facebook twitter pinterest
Ippica: all'ippodromo Snai La Maura Erik Bondo fa tripletta ma il premio Aligero lo vince Amarcord

ROMA - All’Ippodromo Snai La Maura di Milano il secondo appuntamento del mese di gennaio e dell’anno con la stagione di trotto collima con il nome di Erik Bondo, autore di una tripla vittoria. Ma prima parliamo della prova Gentlemen in chiusura di pomeriggio valida per il Premio Aligero, quella con maggiore dotazione dell’intero programma: una prova a resa di metri per soggetti di categoria C/E/G distribuiti su tre nastri in cui ha ritrovato la vittoria Amarcord, che con Fabio Marchino azzeccava una perfetta giravolta dal secondo nastro sistemandosi subito a ridosso dei primi: il cavallo allenato da Francesco di Stefano muoveva al mezzo giro finale e in retta non aveva difficoltà ad avere ragione del battistrada Solista D’Esi, comunque coraggioso nel percorso di testa, mentre la sorpresa Zafira sprintava in retta chiudendo al terzo posto. Ritornando ad Erik Bondo, le vittorie sono arrivare come driver ed allenatore dapprincipio con il Premio Amour Angus portando personalmente al successo Eclipse Gar: il portacolori della scuderia Chicolindo sfruttava il miglior numero per scivolare al comando, poi con i due più attesi Escudo ed Evarussa Jet che si marcavano lungo il percorso, era abile a gestire il ritmo per poi allungare e centrare la prima vittoria a media di 1.15.2, nuovo personale. Nel tentativo di agganciare il rivale, la favorita Evarussa Jet finiva con lo sbagliare e così, sul calo di un Escudo inferiore alle attese, era Etoile dei Veltri a vincere la volata per il secondo posto su Enock. Le altre due vittorie del team di Trecate arrivavano da allenatore con Federico Esposito in sulky nel Premio Kenwood Scamper e protagonista Come Chuck Sm che ha messo in campo una progressione vigorosa da fondo gruppo sul penultimo rettilineo e in retta veniva a regolare Caspian Play Font, passato all’attacco ai 600 finali sulla coppia di testa Chicca Ross-Barni Lenny e logicamente un po’ in bolletta nei 100 finali. Terzo a ridosso terminava Cabalista, senza troppo spazio nel finale, mentre Cosmos del Ronco sbagliava all’ingresso in dirittura quando dava l’idea di poter lottare per la vittoria. L’hat-trick per la connection arrivava grazie a Danzica Bi che nel Premio Garland Lobell centrava la terza vittoria nelle ultime quattro uscite. Sull’errore della favorita Don Perignon nella fase iniziale, la portacolori della scuderia Gnafà forzava in avvio e sfilava su Javerne, completava un km in 1.17.1 e in retta eludeva l’agguato dell’importata di Marco Smorgon a media di 1.14.8. Diamante Trio risolveva la volata per il terzo posto su Dalila Grif. Altro team in grande spolvero è quello di Bareggio, che in questa domenica ha firmato un doppio con due soggetti in condizione strepitosa. Nel Premio Magna Force, Doctor Caf demoliva letteralmente il record firmato all’ultima uscita a Firenze e confermava di essere soggetto in crescita esponenziale: l’allievo di Fausto Barelli affidato a Pippo Gubellini sfruttava la scia d Dahlia Lud nella risalita esterna, poi al mezzo giro finale muoveva all’attacco di Damon Hill Treb (che aveva sfondato dopo 650 metri veloci) e in retta passava netto per svettare al nuovo personale di 1.11.9, strepitoso considerata la pista non velocissima. Damon Hill Treb si abbandonava di galoppo gettando al vento un probabile secondo posto, che andava così a Junkie mentre Dahlia Lud restava terza. Capitano Pi la ‘prestazione-monstre’ l’aveva fatta il 18 dicembre, quando aveva sottomesso Cocochanel Treb dopo percorso esterno a media di 1.11.9: in questo Premio Decca Angus, la prova per anziani di categoria F, da netto favorito il figlio di Muscle Massive dopo aver ottenuto via libera da Canal Grande Rob si è limitato allo stretto indispensabile esprimendosi a media di 1.13.6, ma i rivali non sono mai riusciti ad avvicinarlo. Per il secondo posto era Cocktail Bar a svettare prevalendo allo sprint su Zaffiro Trio. Nel Premio Angus Hall, la maiden sui 1650 metri per cavalli di 3 anni, la favorita Esterel Gi dava seguito al buon esordio centrando la prima vittoria della carriera. Sugli errori di Elektra Ob Ferm e Extra Speed, la cavalla allenata e guidata da Andrea Guzzinati andava di pacca al comando, gestiva al meglio i parziali e nel finale si limitava a controllare i rivali, a media di 1.15.3, senza lasciare troppo spazio all’appostata Eco Gual che così doveva adeguarsi al secondo posto. Event Horizon si è impegnato all’esterno nell’ultimo giro flettendo solo nel finale e chiudendo terzo. Prossimo appuntamento per giovedì 12 gennaio.

RED/Agipro

Foto credits Dena - Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password