Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/04/2024 alle ore 18:00

Calcio

13/02/2024 | 15:30

Davide Moscardelli a LeoVegas.News: “La Serie A è stata un sogno ma il gol più bello l’ho segnato in Eccellenza”

facebook twitter pinterest
Davide Moscardelli LeoVegas.News Serie A sogno gol più bello Eccellenza

ROMA - Davide Moscardelli, ex attaccante che in Serie A ha vestito le maglie del Chievo e del Bologna, è stato intervistato da Andrea Zenga ai microfoni di LeoVegas.News. Tra un aneddoto e l’altro, il bomber romano ha ripercorso insieme all’opinionista sportivo la sua incredibile carriera da calciatore che l’ha portato in pochi anni dalla Promozione alla Serie A. L’intervista integrale è disponibile sui canali digitali di LeoVegas.News.

Dopo le giovanili in alcuni club romani, il percorso in prima squadra di Davide Moscardelli è partito dalla Promozione laziale: “Ho iniziato nei campi di periferia, molto diversi da quelli di adesso che sono tutti in erba sintetica. Noi giocavamo spesso e volentieri sulla terra. Non era il massimo ma la voglia di giocare e di divertirsi era più forte”. La svolta della carriera è arrivata durante una stagione di Eccellenza con il Guidonia, in cui il bomber è stato grande protagonista: “Ero rimasto senza squadra a una settimana dall’inizio del campionato, poi la chiamata del Direttore Sportivo che mi annunciava che mi avrebbe preso al Guidonia. Abbiamo vinto il campionato di Eccellenza e io ho segnato 22 gol. L’anno dopo ho firmato il mio primo contratto da professionista”. Tra queste reti, anche il gol più bello della sua carriera: “Mi ricordo ancora a memoria l’articolo di giornale: Degna citazione per il vero e proprio eurogol di Moscardelli, prodezze del genere se ne vedono sempre meno”. Un momento ancora vivo nella memoria dell’attaccante, che ha poi raccontato a Zenga ulteriori dettagli di quella rete spettacolare.

Dopo alcuni anni in Serie B e oltre 50 gol, nel 2010 arriva la chiamata della Serie A: mister Pioli, che lo aveva allenato al Piacenza, lo porta al Chievo all’alba dei trent’anni. L’esordio, da incorniciare, arriva nella prima giornata in una sfida contro il Catania: “Prima della partita ero abbastanza teso ma poi in una delle prime occasioni sono riuscito a fare gol e abbiamo vinto il match. Un esordio migliore non ci poteva essere. Per me la mia carriera poteva anche finire lì: ho giocato in Serie A e ho fatto gol, perfetto”. La più grande soddisfazione di Moscardelli, però, è arrivata al tramonto del percorso da calciatore professionista. Qualche anno dopo, infatti, da capitano del Pisa è riuscito a centrare una storica promozione in Serie B: “È stata una stagione particolare, a dicembre eravamo undicesimi e poi abbiamo fatto una scalata incredibile grazie a 23 risultati utili consecutivi. Ai playoff abbiamo trionfato: è stata una bella emozione e una grande gioia”.

Una grande passione di Moscardelli? La Roma, squadra di cui è tifoso fin da bambino. Un amore così forte che lo ha portato a mettere in palio la sua famosa barba in una scommessa quando il club giallorosso è arrivato in semifinale di Champions: “Se avesse vinto la finale, l’avrei tagliata a zero”. Ha poi aggiunto anche un commento su Josè Mourinho: “Raggiungere due finali europee consecutive non si vedeva da tanto tempo alla Roma. Il suo lavoro è stato importante e la sconfitta ai rigori della scorsa stagione non può cancellare ciò che di bello ha fatto”. Questo e molto altro nell’intervista di Andrea Zenga a Davide Moscardelli.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password