Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/10/2020 alle ore 19:32

Attualità e Politica

01/10/2020 | 09:35

Giochi, De Fabritiis (Mdf Partners): "2020 a doppia velocità tra retail e online, i futuri punti vendita sempre più digital”

facebook twitter google pinterest
Giochi De Fabritiis Mdf Partners

RIMINI - «L’andamento del 2020, nel retail e nell'online, è stato molto differente. In questo momento, dopo i primi otto mesi, siamo a -40% sul mercato fisico, mentre l’online è cresciuto del 30%. Il futuro disegnato dal legislatore è di una sostanziale riduzione dell’offerta. Le sale vlt passeranno da 4900 a 2500, gli esercizi con Awp da 58mila a 37.500. Le gare per le scommesse prevedono infine 10mila negozi e 5mila corner. In quest'ultimo caso, si tratta di un quadro difficilmente sostenibile». E' lo stato del mercato del gaming in Italia tracciato da Mauro De Fabritiis, Founder di Mdf Partners nel corso del convegno “Il nuovo volto del gaming e le nuove opportunità. Come cambia il mercato con le nuove leggi del Governo? Che impatto ha il divieto di pubblicità sul mercato italiano e quali sono le nuove strategie di marketing possibili?", organizzato a Enada Rimini da Gioconews. «C'è urgenza di adeguare il quadro regolatorio a modelli di business parecchio mutati rispetto al passato. Gli operatori fisici dovranno far evolvere il concept del punto vendita e renderlo più digital. Il Covid ha solo accelerato un processo evolutivo già in atto. La tecnologia è al centro di questo processo», ha detto ancora De Fabritiis. Intelligenza artificiale, geo localizzazione, terminali self service: sono alcune delle soluzioni per il mantenimento delle distanze e della sicurezza dei giocatori e, al contempo, il passo per l'omnicanalita'. Gli operatori devono «evolvere in questa direzione sfruttando il vantaggio di essere visibili e riconoscibili sul territorio, di avere un brand e una credibilità”, ha aggiunto. L'avvicinamento, attraverso la digitalizzazione del fisico, delle modalità di erogazione e fruizione del gioco tra retail e online consentirà di rendere “più efficiente la gestione, incrementare il controllo del settore e la tutela del giocatore e conferire al settore maggiore capacità di interazione con le istituzioni. Cosa che oggi manca e di cui c'è urgente bisogno».
NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password