Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/09/2019 alle ore 19:00

Attualità e Politica

29/05/2019 | 15:07

Giochi in Puglia, fumata nera in Consiglio regionale: lavoratori in piazza anche il 5 giugno per modificare la legge

facebook twitter google pinterest
Giochi Puglia Consiglio regionale lavoratori piazza legge

ROMA - Slitta al 5 giugno la discussione della proposta di legge che modifica la normativa sul gioco al Consiglio Regionale della Puglia: è quanto apprende Agipronews a margine della manifestazione organizzata oggi dai sindacati e dagli operatori del settore per scongiurare l'entrata in vigore della norma, il prossimo 15 giugno, che brucerà 9mila posti di lavoro e porterà alla chiusura dell’80% delle rete legale, secondo uno studio dell'Eurispes.

COSA PREVEDE LA MODIFICA - La proposta di legge "Modifiche alla legge per il Contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico", prevede «l’ubicazione di apparecchi di gioco pubblico a una distanza non inferiore a 250 metri» dai luoghi sensibili «per le sole nuove autorizzazioni» e fissa «il numero massimo di apparecchi installabili» negli esercizi in cui il gioco non è l'attività principale. La proposta prevede «anche l’obbligo, per i gestori dei centri scommesse e per il personale che ci lavora, di frequentare corsi di formazione». Il testo, approvato lo scorso 7 marzo dalla Commissione Sanità, dovrà essere discusso in Aula.

COSA SUCCEDERA' SENZA MODIFICHE - Se la legge non fosse modificata, secondo uno studio dell'Eurispes, chiuderanno circa 700 punti gioco, dislocati al di sotto dei 500 metri dai punti sensibili e scomparirà «l'80% degli “esercizi dedicati” e di quelli “generalisti”» in cui si accetta gioco legale per conto dello Stato. Il provvedimento si tradurrà nella perdita del lavoro per 8.911 persone (2.891 i posti di lavoro negli “esercizi dedicati” - come sale bingo, agenzie di scommessa e sale dedicate - e 5.151 lavoratori degli “esercizi generalisti” come bar e tabacchi). «Non ci sono dubbi sull'intenzione di modificare la legge attuale. Ci batteremo affinché passi la proposta di modifica uscita dalla Commissione», ha assicurato il vicepresidente del Consiglio Regionale, Giandiego Gatta (Forza Italia), sottolineando che «qualcuno cerca di strumentalizzare il problema. Bisogna invece capire che proprio il venire meno degli operatori legali libera in maniera inquietante fenomeni legati all'illegalità e favorisce l'insorgere di fenomeni patologici», ha spiegato. Il timore degli operatori «è che si vada addirittura al 13 giugno, il che sarebbe pericoloso, visto che la proroga per le attività esistenti scade due giorni dopo», ha detto Pino Giove, vicepresidente dell’associazione Agisco, che aveva invitato i propri associati a sospendere l'attività di raccolta dei giochi dalle 10 alle 13 di oggi, in concomitanza della manifestazione.

APPUNTAMENTO AL 5 GIUGNO - «La Puglia può uscire dall'impasse degli ultimi mesi: ovviamente dovranno seguire fatti concreti, ma le premesse sono buone. Positiva anche l'unità mostrata dal settore» alla manifestazione, ha aggiunto il consigliere Astro, Fabio Biondo. «Possiamo essere soddisfatti – ha aggiunto Antonella Pellegrino, consulente legale del Gruppo Fratelli Simone – perché alcuni temi che ci stanno a cuore sono stati presi in considerazione dai membri dell'Assemblea», che riaffronterà il tema il 5 giugno, data in cui è già stata indeta una nuova manifestazione. «La situazione è interlocutoria ma è importante che sia stata compresa dai consiglieri regionali la gravità del momento», ha spiegato Angelo Basta, presidente di Agire. «Ci saremo. Come oggi e più di oggi. Speriamo davvero finisca questa lenta agonia, che mette a rischio migliaia di lavoratori», ha concluso il presidente di Sapar, Domenico Distante.

MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

giochi notizie agipronews scommesse slot

Giochi, la settimana in un clic

20/09/2019 | 16:43 LUNEDI' 16 SETTEMBRE Politica e giochi – Innovazione tecnologica e digitalizzazione, ma anche giro di vite contro le frodi e riemersione del sommerso. Sono le parole d'ordine del neo Ministro dell'Economia Roberto...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password