Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/11/2020 alle ore 11:15

Attualità e Politica

28/10/2020 | 08:56

Giochi nel Lazio, Tripodi (Lega): "Necessaria proroga legge regionale, modifica del febbraio scorso è sbagliata"

facebook twitter google pinterest
Giochi nel Lazio Tripodi (Lega): Necessaria proroga legge regionale modifica del febbraio scorso è sbagliata

ROMA - "Con la situazione attuale il minimo che possiamo fare è una moratoria, una proroga, che ci darebbe lo spazio di ragionare con tutto questo mondo, perché sono convinto che con questa legge regionale la Regione Lazio ha sbagliato”. Lo ha evidenziato il consigliere regionale Orlando Tripodi (Lega), nel corso delle audizioni delle associazioni del settore del gioco, che si sono svolte ieri in Commissioni Lavoro, Affari Costituzionali e Attività produttive del Consiglio Regionale, in merito alla "Legge Regionale n. 5/2013 sul Gioco Pubblico Legale, come modificata dalla Legge Regionale n. 1/2020: conseguenze economiche sulle attività commerciali". 

La modifica alla legge regionale approvata nel febbraio 2020 dal Consiglio regionale prevede il distanziometro di 500 metri dai luoghi sensibili per le sale gioco e gli esercizi pubblici che ospitano slot machine. La legge regionale nella sua precedente versione già vietava il gioco con gli apparecchi a una distanza inferiore a 500 metri da una serie di “luoghi sensibili” (scuole, luoghi di culto, ospedali, centri giovanili), ma tale divieto si applicava solo alle nuove aperture. Con la modifica approvata nel febbraio scorso, invece, sono sottoposte ai rigori del distanziometro tutte le attività già sul territorio, come avviene in Piemonte ed Emilia-Romagna. 

SA/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password