Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/02/2024 alle ore 09:00

Attualità e Politica

29/11/2023 | 17:01

Riordino giochi, dati Eurispes: “Crolla offerta retail (-35% punti generalisti, -19% punti scommesse), c’è necessità di interventi urgenti e organici”

facebook twitter pinterest
Riordino giochi dati Eurispes Crolla offerta retail punti generalisti 19 punti scommesse necessità interventi urgenti organici

ROMA – Il quinquennio tra il 2017 e il 2022 ha fatto registrare un calo diffuso dei punti fisici di offerta di gioco: spicca il -35% di punti generalisti, così come il -19% per negozi e punti scommesse e il -15% di punti vendita di Lotterie Gratta e Vinci. Da segnalare anche un -10% di sale Bingo, il -8% di sale specializzate (apparecchi AWP e VLT) e il -7% di ricevitorie GNTN e Superenalotto; in aumento solo le ricevitorie di Lotto e 10eLotto, dell’1%. Sono questi i dati emersi dalla tavola rotonda promossa dall’Osservatorio permanente su Osservatorio Giochi, Legalità e Patologie dell’Eurispes sul tema “Il riordino del gioco pubblico e il ruolo dell’offerta territoriale in Italia”.

Nel convegno è stata quindi sottolineata la necessità di “interventi urgenti e organici” nei confronti del gioco fisico, a partire dal riordino del settore, che “dovrebbe operare per superare l’impatto del federalismo sul gioco pubblico”, ovvero la tendenza degli enti locali di “legiferare in ordine sparso” in termini di distanziometro e orari di apertura dell’offerta fisica. In particolare, viene ribadita l’impossibilità di coniugare il distanziometro con l’esistenza stessa dell’offerta fisica del gioco pubblico, senza dimenticare il paradosso per cui tali misure restrittive siano, invece, facilmente aggirabili dal gioco online, “che resta ‘aperto’ 24 ore al giorno e risulta fruibile via smartphone anche dall’interno di ‘luoghi sensibili’”.

L’Osservatorio ha quindi posto l’accento sull’importanza dei punti vendita generalisti, non solo per il loro apporto “sociale” e occupazionale (con i gestori che “generano lavoro per molte piccole e medie aziende”, per una filiera che “occupa circa 140.000 addetti”), ma anche dal punto di vista erariale, dato che, da soli, generano circa due terzi del gettito totale.

AB/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password