Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/09/2020 alle ore 15:00

Attualità e Politica

06/02/2020 | 15:00

Slot, Cassazione: «Gestore che non versa il preu commette peculato»

facebook twitter google pinterest
cassazione slot preu peculato

ROMA - Il gestore di apparecchi da gioco che non versa il Preu commette reato di peculato. Lo ha stabilito la Sesta sezione penale della Corte di Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da un gestore sardo, condannato a due anni e otto mesi dalla Corte di Appello di Cagliari. L’imputato era stato denunciato dal concessionario con cui era contrattualizzato per essersi appropriato di 269mila euro, «pari al versamento di prelievo unico erariale che avrebbe dovuto effettuare»; secondo il gestore, però, le somme trattenute costituiscono un'appropriazione indebita e non peculato, vista la natura contrattuale privata che lega il concessionario al gestore. Una tesi non condivisa dal Collegio, secondo cui «Il rapporto tra il concessionario ed il terzo incaricato della raccolta del denaro è qualificato come "rapporto di subconcessione" e pur avendo natura privatistica, regola "servizi pubblici", perché il gioco è attività riservata allo Stato». Il contratto tra privati stipulato da concessionario e gestore non incide dunque «sulla veste di
incaricato di pubblico servizio del suboncessionario, in quanto preparatoria e
"funzionale" alla riscossione del prelievo erariale unico sulle giocate». Il denaro
che si riscuote «è fin da subito di spettanza della Pubblica Amministrazione» e i gestori «sono tenuti a versare immediatamente al concessionario le somme ottenute dai giochi». 
Il ricorso dell'indagato è stato dunque respinto, ma nei prossimi mesi sarà la stessa Cassazione a esprimersi definitivamente sui casi simili a quello del gestore sardo. A metà gennaio, infatti, proprio la Sesta sezione penale ha rinviato una vicenda analoga alle Sezioni Unite; il massimo Collegio di legittimità procedurale dovrà dare un orientamento definitivo sulla materia, stabilendo se il mancato versamento del preu da parte dei gestori configura il reato di peculato o quello di truffa ai danni dello Stato. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password