Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/12/2018 alle ore 11:45

Attualità e Politica

26/06/2018 | 12:20

Regione Lazio: parte l’Osservatorio sul gioco patologico, 21 i componenti

facebook twitter google pinterest
regione lazio osservatorio gioco patologico

ROMA - Via libera all’Osservatorio sul gioco patologico della Regione Lazio: l’organismo - previsto dalla legge regionale del 2013 - sarà composto da 21 membri. Quattro i rappresentanti istituzionali oltre a 17 esperti selezionati e ritenuti idonei da una apposita Commissione.

L’Osservatorio avrà il compito di monitorare il gioco «in tutte le sue componenti culturali, legali, di pubblica sicurezza, commerciali, sanitarie ed epidemiologiche, sociali e socio-economiche», come si legge nel Bollettino della Regione Lazio.

I quattro rappresentanti istituzionali nominati di diritto sono: Alessandra Troncarelli (Assessore alle Politiche Sociali e Welfare, Giuseppe Simeone (Presidente della VII Commissione Consiliare -

Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria, welfare), Antonio Mazzarotto (Dirigente Area politiche per l’inclusione della Direzione Salute e Politiche Sociali della Regione Lazio), Domenico Faggiani (Rappresentante dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, ANCI Lazio).

L’Osservatorio avrà come presidente Maurizio Fiasco, gli altri esperti nominati sono: Luca Bastiani, Pino Bendandi, Sandra Berivi, Paolo Berretta, Alessandra Coppola, Ornella De Luca, Remigio Del Grosso, Fabrizio Fanella, Gabriella Fiorucci, Elisabetta Gavasci, Antonio Grassi, Claudio Leonardi, Giovambattista Palumbo, Bruno Porcelli, Adriano Purgato, Claudia Strambi.

La partecipazione dei componenti all’Osservatorio «è a titolo onorifico e le attività che saranno da essi espletate non comportano il diritto ad alcun compenso o rimborso spese o gettone di presenza a nessun titolo».

I componenti dell’Osservatorio «restano in carica per tre anni. I membri non di diritto possono essere confermati una sola volta. Ogni triennio si procede ad indire un nuovo avviso pubblico per l’iscrizione all’elenco degli esperti idonei. Contestualmente, viene verificata la persistenza dei requisiti degli idonei già iscritti».

(foto: Carlo Dani)

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password