Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/05/2018 alle ore 17:21

Attualità e Politica

04/05/2018 | 08:20

Nuovo regolamento Agenzia Dogane e Monopoli: nove strutture organizzate per materie, nasce la Conferenza dei Direttori

facebook twitter google pinterest
regolamento Monopoli Conferenza Direttori

ROMA - Una serie di fusioni strutturali - che coinvolgeranno le strutture centrali, ma anche gli uffici locali - la divisione in due fasce delle direzioni regionali e il taglio delle posizioni dirigenziali. Questi alcuni punti del nuovo Statuto e del nuovo Regolamento di amministrazione dell’Agenzia Dogane e Monopoli.  Il modello per la direzione centrale, si legge, prevede la divisione in nove strutture organizzate per materie (Dogane, Accise, Tabacchi, Giochi, Antifrode, Tecnologie, Legislativo, Amministrazione, Personale). A livello centrale anche tre uffici di diretta collaborazione del direttore dell’Agenzia: l’Ufficio Ispettivo, l’Ufficio Relazioni internazionali e istituzionali, l’Ufficio Strategia e Controllo di Gestione. Per condividere esperienze, indirizzi e decisioni strategiche è stata inoltre istituita «la Conferenza dei Direttori di cui fanno parte i Direttori Centrali, i Regionali e i Direttori degli Uffici di diretta collaborazione del Direttore dell’Agenzia». Alle riunioni della Conferenza potranno partecipare - a seconda degli argomenti trattati - anche altri dirigenti e funzionari dell’Agenzia, nonché esperti esterni.

Le direzioni regionali dell’Agenzia Dogane e Monopoli saranno differenziate: 10 di prima fascia, o di livello generale (con cinque uffici ciascuna: Risorse, Antifrode, Procedure Dogane e Accise, Procedure Tabacchi e Giochi, Legale) e 3 di seconda, di livello non generale, che avranno due soli uffici (Risorse e Antifrode). A livello locale, invece, le funzioni operative saranno svolte da strutture denominate Uffici delle Dogane e dei Monopoli: questi, a loro volta, potranno essere organizzati in Sezioni Distaccate, a seconda dell’ampiezza del territorio e delle esigenze di diffusione dei servizi. Tra le competenze degli UDM, si legge nel regolamento, ci sarà «la gestione amministrativa delle concessioni e dei punti di raccolta del gioco, il controllo del regolare adempimento degli obblighi amministrativi e fiscali da parte dei concessionari e degli altri operatori del comparto, il contrasto del gioco illegale, l’accertamento e riscossione dei tributi e irrogazione delle sanzioni nonché il recupero delle altre entrate connesse al Monopolio in materia di giochi».

LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

esports fifa

eSports: il Brondby fa il bis nella Fifa World Cup

22/05/2018 | 16:00 ROMA - I campioni in carica si confermano nella finale della Fifa eClub World Cup, il corrispondente del mondiale di calcio per club degli eSports. La formazione danese del Brondby ha battuto gli avversari nelle fasi finali della competizione...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password