Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/05/2018 alle ore 19:02

Attualità e Politica

04/05/2018 | 08:20

Nuovo regolamento Agenzia Dogane e Monopoli: nove strutture organizzate per materie, nasce la Conferenza dei Direttori

facebook twitter google pinterest
regolamento Monopoli Conferenza Direttori

ROMA - Una serie di fusioni strutturali - che coinvolgeranno le strutture centrali, ma anche gli uffici locali - la divisione in due fasce delle direzioni regionali e il taglio delle posizioni dirigenziali. Questi alcuni punti del nuovo Statuto e del nuovo Regolamento di amministrazione dell’Agenzia Dogane e Monopoli.  Il modello per la direzione centrale, si legge, prevede la divisione in nove strutture organizzate per materie (Dogane, Accise, Tabacchi, Giochi, Antifrode, Tecnologie, Legislativo, Amministrazione, Personale). A livello centrale anche tre uffici di diretta collaborazione del direttore dell’Agenzia: l’Ufficio Ispettivo, l’Ufficio Relazioni internazionali e istituzionali, l’Ufficio Strategia e Controllo di Gestione. Per condividere esperienze, indirizzi e decisioni strategiche è stata inoltre istituita «la Conferenza dei Direttori di cui fanno parte i Direttori Centrali, i Regionali e i Direttori degli Uffici di diretta collaborazione del Direttore dell’Agenzia». Alle riunioni della Conferenza potranno partecipare - a seconda degli argomenti trattati - anche altri dirigenti e funzionari dell’Agenzia, nonché esperti esterni.

Le direzioni regionali dell’Agenzia Dogane e Monopoli saranno differenziate: 10 di prima fascia, o di livello generale (con cinque uffici ciascuna: Risorse, Antifrode, Procedure Dogane e Accise, Procedure Tabacchi e Giochi, Legale) e 3 di seconda, di livello non generale, che avranno due soli uffici (Risorse e Antifrode). A livello locale, invece, le funzioni operative saranno svolte da strutture denominate Uffici delle Dogane e dei Monopoli: questi, a loro volta, potranno essere organizzati in Sezioni Distaccate, a seconda dell’ampiezza del territorio e delle esigenze di diffusione dei servizi. Tra le competenze degli UDM, si legge nel regolamento, ci sarà «la gestione amministrativa delle concessioni e dei punti di raccolta del gioco, il controllo del regolare adempimento degli obblighi amministrativi e fiscali da parte dei concessionari e degli altri operatori del comparto, il contrasto del gioco illegale, l’accertamento e riscossione dei tributi e irrogazione delle sanzioni nonché il recupero delle altre entrate connesse al Monopolio in materia di giochi».

LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

curcio sapar giochi

Giochi, Raffaele Curcio confermato alla guida della Sapar

24/05/2018 | 18:20 ROMA - Si sono svolte ieri e oggi, a Rimini, le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali dell’Associazione Nazionale Sapar: Raffaele Curcio - si legge in una nota - è stato confermato alla presidenza nazionale, mentre...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password